Subbjàcu

.

Subiaco vistu dagliu Rapeglio

Subiaco vistu dagliu Rapeglio

Posted in Uncategorized | Leave a comment

“…missiricòrdia”

…alla nchinàta s’aggría missiricòrdia….

(gridare, invocare “misericordia” (il 14 e il 16 agosto all’Inchinata)

missiricòrdia 2020

Subiaco (RM) Missiricòrdia 2020

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Subbjàcu méo -la “mia” Subiaco- (my Subiaco)

La “mia” Subiaco.

Fe.Fè.

info@subbjacumeo.it

Subbjàcu. Paese che va’, usanza che trui…

La Mia Subiaco – Subbjàcu méo – Sublacum Meus- My Subiaco (Regione Lazio, provincia di Roma – Alta valle dell’Aniene).

Visitatela, troverete arte, cucina tipica, paesaggi collinari e montani suggestivi, incastonati all’interno del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini.

Il silenzio e la bellezza della vallata, con -l’eco lontano- dello scorrere del fiume Aniene, sono stati scelti, anche dal nostro patrono, San Benedetto.

Un appello ai compaesani:

manniteme le ricètte de chéllo che sapite cucinà (pappaciuccu, tozzetti, salame e ju re, strozzapreti, frascaregli ecc.) cusì ne faccio na rubrica sullo magnàne.

Se póne tenite belle cose da pubblicà, comme foto d’època (biancu e niru) o aru de nu cérto “valore” artisticu… facite uiari mannite chéllo che ve fa piacere.

info@subbjacumeo.it

 

 

Bellissimo il nuovo

PORTALE TURISTICO

Città di Subiaco (RM) – Italy -.

Grazie,

 Fernando Ferzioli ittu Fefè

 
 

Foto Alessandro Sebastiani (ittu Sebba) Fochi d'artificiu la sera e l'Assunta ncéo - 15 austu 2013. Subiaco RM.

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Subbjàcu da via della Pila…

Gummuni che calanu dagliu Pònte e Sant’Antonio, allo friscu e ‘lla Via della Pila…

 

La Rocca Borgia da Via della Pila  SUBIACO (RM)

La Rocca Borgia  vista da Via della Pila SUBIACO (RM)

Gommone su Fiume Aniene luglio 19-7-2020 Subbj art

 

Santa Maria della Valle e la Rocca dei Borgia viste dalla via della Pila sulla sponda sinistra del fiume Aniene

SUBIACO -Chiesa Santa Maria della Valle e la Rocca dei Borgia viste dalla via della Pila sulla sponda sinistra del fiume Aniene

Posted in Uncategorized | Tagged , | Leave a comment

Dall’approvazione della L.R. sui piccoli Comuni, ai diritti sanitari…

Da un lato è stata approvata la LEGGE SUI PICCOLI COMUNI.

Il provvedimento stanzia 4,4 milioni di euro per sostenere le comunità locali di dimensioni più ridotte nella promozione delle attività economiche, sociali, ambientali e culturali nonché nella tutela e valorizzazione del patrimonio naturale, rurale, storico-culturale.

Approvata dal Consiglio regionale del Lazio la legge sulla “Tutela e valorizzazione dei piccoli comuni”, ovvero quelli con meno di 5.000 abitanti (23 luglio 2020).

Se da un lato si vuole sicuramente favorire che le popolazioni non scappino dai propri luoghi natali, anzi si vorrebbe favorire l’arrivo di nuovi cittadini, che magari si trasferiscono da altri Comuni più grandi…dall’Altro lato, quello dell’assistenza sanitaria (Ospedale di Subiaco- rafforzato solo come REMS…) certo non fa “dormire sonni tranquilli”… purtroppo!

La Regione, completi il lavoro fatto, rafforzando le risorse umane per l’ospedale di Subiaco, con più medici, infermieri e nuovi reparti, a partire dalla trasferita terapia intensiva, spostata a Colleferro ormai da qualche anno.

 

Incentiviamo l’arrivo di nuovi e motivati cittadini, magari giovani famiglie, che potranno vivere in salute veramente nei Simbruini…ed in tutta la valle dell’Aniene.

 

Sarebbe un sogno vedere, come negli anni ’80, le sponde del fiume coltivate, una ruralità più viva e vissuta, con nuove opportunità di lavoro “verde” e sano, per uno sviluppo vero di tutta la comunità Montana.

Bisogna decidersi, la legge sui piccoli comuni funzionerà, se i politici e gli amministratori locali capiscono che non si può vivere in “una riserva indiana” con un ospedale a mezzo servizio e con persone che dovrebbero trasferirsi in realtà già disagiate per mancanza di servizi e e attività culturali, ecc.

 

Icimocella tutta, c’hau proprio abbannonàti a remanì sui, co gli mali nostri.

Aru che sanitàne da reveté e fregnacce varie, se ci sintimo male so cavoli amari, stimo fòri dagliu munnu… O No?

mappa delle comunità aniensi (i cui abitanti, si cureranno con erbe selvatiche, bacche e radici e stregoni…)

Dopo il forte ridimensionamento dell’ospedale di Subiaco (RM) il nostro territorio cosa subirà? Si rischia nel prossimo decennio uno spopolamento?

Questo è il rischio di un territorio, che potrebbe essere abbandonato dalle nuove giovani coppie in favore della periferia della capitale…

 

 

Ospedale Subiaco luglio 2020 richieste associazione gianni Ricci

 

 

 

Facciamoci tutti una domanda leggendo l’articolo 32 della Costituzione Italiana:

Articolo 32. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.

Secondo voi un cittadino residente nei comuni dell’Alta Valle dell’Aniene hanno gli stessi diritti, opportunità e gli stessi costi di un cittadino residente a Roma Capitale????

Non credo,

Buona estate,

ed occhi aperti e mascherine a portata di mano…

Fe.fè

 

 

Tu chiamala se vuoi, I P O C R I S I A o voglia di aiutare altri territori…

tribù ANIENSI

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Agosto (aústu)

Agosto

A gliu paese méo, doppo l’Assunta,
comme s’affatta ju vénto alla cullina
e l’acquarèlla capabballe spunta
smorzènno ju polleracciu e lla sulina.

Putite puru accatastà le lena,
prechéne, figli méi, su spicchiu ’e munnu
che se rendréccia comme na catena
ve porta già ’n’accuntu de gli’autunnu.

Pò relampane ju sole ca giornata,
pò refà callu si pe’ ca mumento.
Ju tempo che già puzza de ’nfornata,
’ncoménza a repuline ju munumento.

Chissu è gli’agosto béglio de Subbiacu.
La rundinella lassa ju curnicione,
la vecchia piglia j’agu e s’aréndana,
ju vecchio se sprufónna a gliu ssidione.

E scòlla la staggione, và londanu
co’ gliu grugnale che vè colorènno.
La imara se ’mpescolla pianu pianu
’ntrémente n’ara astade vè passénno!!!

                                     Achille Pannunzi

cinghiali_di Claudio Patrone Parco Monti Simbruini – Subiaco

I témpi e n’òta. (aústu)

Hau finiti i témpi e n’òta,

stimo agliu mese e ‘llo mète e repjoe n’ara òta.

Ca annu fàne, lo callu ‘e gliu mese ‘ello mète,

facéa ficcà a fjume, puru zi prète.

Se ice, ca chissu è glju mése degliu solóne e

ammece chi commànna è accar’e gliu saettóne.

Nu giorno passènno attèra pe lla Còna,

rembardènno lo fénuo pe la jimara,

ncontrà du saettuni arabbotati e

isse a Cecco :<< chissi sarau annàmorati>>.

Pe llo callu caccéa ogni cόccia e suóre

che paréa quasi ca stasse a pjòe.

Eranu ca lle dóa e unu degli dóa arabbotati m’arespunnì singéru:

<<va bbè lo callu,

ma stimo a liticà pe pigliacci ju ventagliu >>.

Cecco i remase a cuardà nu momento e ppo ci isse:< Comme ju ventagliu >>?

<<Figlju meo, lo callu mica se remagna solo i cavagli

e gli cristiàni,

a chest’ora, fa raprì ju ventagliu puru agli saéttuni>>.

                                                 Fernando Ferzioli (ittu Fefè)

Cartolina “de mprestecata” (pietra Sprecata Subiaco)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Città che cagnanu o città di transizione (TRANSITION TOWNS).

Queto articolo era stato pubblicato dal 15 febbraio 2015… credo sia ancora di moda…

Facitave n’orto se putite.

Iteme rètta

Fefè

ORTI E COMPOSTIERE

orto

 …cominciamo da qui.

Iniziamo ad inquinare meno ed ad aiutarci di più, anche con piccole cose, per esempio gestendo un orto, se si ha un piccolo terreno a disposizione di proprietà o chiedere ai proprietari di gestirlo gratuitamente –se possibile-.

Creare delle compostiere per avere un terreno ricco di elementi organici, permetterà alla collettività di inquinare meno ed a noi singoli di risparmiare.

Come costruire una compostiera

Non bisogna necessariamente tornare indietro come i gamberi, ma vivere una vita più sana e naturale si.

Una piccola economia dal basso si può costruire.

 

 

cos’è il modello transition town

l’esempio di città di Transizione Monteveglio (BO) oltre 5.000 abitanti.

 

..pian piano, anche da noi questo esempio potrebbe migliorare la microeconomia della nostra Subiaco. Chissà che orto dopo orto, compostiera dopo compostiera…

io credo che dal letame nascano tante belle cose genuine!

Fefè

Posted in Uncategorized | Leave a comment

25 aprile 1945 la Libbérazio…

Buon 25 aprile con le parole di Giuseppe Colzani, partigiano

Avevo due paure

La prima era quella di uccidere
La seconda era quella di morire
Avevo diciassette anni
Poi venne la notte del silenzio
In quel buio si scambiarono le vite
Incollati alle barricate alcuni di noi morivano d’attesa
Incollati alle barricate alcuni di noi vivevano d’attesa
Poi spuntò l’alba
Ed era il 25 Aprile

 

video Colzani

Posted in Uncategorized | Leave a comment

I virniusi e ’lla màscarina

I virniusi e ’lla màscarina

 

SSi giorni, nu virusse stranu,

 gira pe ll’aria e pe le maniglie attaccatu,

chi rèsce chello poco a fa’ la spesa  la mmatína,

 s’accurge che da ca giorno, giranu i virniusi e ‘lla màscarina.

 

Ju valore e l‘òro ssi ggiorni ha recalatu,

mone addivinti riccu se e ’lle màscarine téne la rascia,

 sine, si capitu bbè, se chelle te lle si araccàpezzatu,

cacunu “birbu”, ci và ngiru puru a facci la màffia.

 

E ‘ssine, puru de sti témpi maleítti,

truvi accotàti sèmpe e gli stéssi,

t’arésponnanu: so mmàscarine spiciàli,

e sine, c’aréspose: te fa béglio comme se tenissi la Ferari.

 

Che ci piglièsse n’corbo de riscìne,

ss’i sfrussuni, hau capitu che ci poto puru aremanine?…

Ci manchéanu puru le vèrnie e ‘lle mmàscarine.

 

Ci isse: giovanò, làssa pèrde de fa ju vérniusu,

dalle a chi sèrvanu pellàddavero,

 mannale ncima a gliu spitale, figliu méo curiusu,

te pari ju cuju tu e ju munnu ntéro.

 

Ma lassa pèrde…, chi te sènte?…

te-gliu truvi a fa’ la fila sèmpe,

e allora ci isse: addónca passi tu l’erba ci nasce,

 si comme primavièra che fjurísce.

 

Prima a gliu macellàru, mo a lla farmacia,

chigliu pincalló, sta sèmpre pe lla via…

 

Réncaso ncazzatu niru e mpò nervusu,

me metto a cucinà e po’ m’affatto,

e chi te vedo alloncatu a gliu terazzu…,

ju sallicchione che ndosséa la màscarina…

 

Sarvugnunu, chi me reggìne non lo saccio ancora…,

ci isse: “sfilate dagliu muccu ssa musarola”,

che se vénco ncima alla terazza,

faccio pollére a ti e la réazza!

 

 

13 abbrile dumiaevvénti

Fefè

(Fernando Ferzioli)

 

 

 

 

me raccomanno, chi non ata ine a laorà, chi non ata riscìne pe forza, se stinca réntro.

Tenite da riscì solo lo giustu!

 

 

Ca mmése, attòcca a fa’ sacrificiu, però non se pò fa aru, finènte che non rèsce ju vaccinu!

Meglio rèntro casa, che réntro la cassa.

Lo magnà, se pò comprà, puru, nota a settimana…

stimoci réntro 2 subbj

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Marzu stranu co stu críppiu ngiru

Marzu stranu (2020) co stu críppiu (influenza) ngiru

Adda marzu stranu chist’annu dumilaevvénti,

essi c’attòcca a strigne ju cúju e puru gl’jénti…

Stu virusse ha natu da nna nóttoja attèra pe lla Cina,

e  ha ariutu finènte ecchi ncima.

Adda guàiu isse alla tilivisió nu scenziàtu,

nu virusse stranu finènte ecchi h’ariàtu,

isse pone: “ssu virusse po’ portà la purmuníte,

nzéritave réntro le casi se putite”.

Sarvugnúnu, adda i morti lòco ncima pe Milanu,

pe cuànti sone i reportanu co ju càmiu, pianu pianu.

Comme se ice a Subbjàcu,

“tristu chi casca attèra e chjéte aiutu,

chi casca mpovertàne pèrde ugni amícu”.

Adda guàiu e che stràzziu,

rémanì nzératu e puru suju,

ma éssi parè, attòcca a sarvà ju cuju!!

Cacunu più anzianòtto,

 -che ancora non s’araccapezzàtu- e se laménta,

lassa puru la chiamata aglju médico condotto:

“dotto’ me ngènne nu vinúcchju, ténco da i attèra agl’orto”,

e chiglju ci réspose: “figliu méo,

se mitti ju capu fòri, va a zappà agliu cimitèrio”.

agli 25 de marzu dumilaevvénti

Fefè

àlimu paesà,

armimoci de pacénzia,

doppo ju témpo cattíu,

rèsciarà chígliu bóno !!! 

 

Pe mmone, abbuzzite e stitave réntro le casi!!!

stimoci réntro 2 subbj

Posted in Uncategorized | 1 Comment

Bòna Pàscua, dégliu còre e dégliu Spiritu!

Vedo intorno e dentro di me, il Risorto?

Vedo intorno e dentro di me, il Risorto? La beatitudine dell’occhio del credente….

BEATI GLI OCCHI CHE VEDONO….

Pensieri di Bonhoeffer sulla Pasqua:

Siamo vicini al Venerdì santo e alla Pasqua,
ai giorni delle azioni strapotenti
compiute da Dio nella storia;
delle azioni nelle quali il giudizio di Dio e la grazia di Dio
divennero visibili a tutto il mondo:
giudizio in quelle ore,
in cui Gesù Cristo,
il Signore, pendette dalla croce.
Grazia in quell’ora,
in cui la morte fu inghiottita dalla vittoria.
Non gli uomini hanno fatto qui qualcosa,
no, soltanto Dio lo ha fatto.
Egli ha percorso la via verso gli uomini
con infinito amore. Ha giudicato
ciò che è umano.
E ha donato grazia
al di là del merito.
(11 marzo 1928)

 

Vangelo di LUCA 10
Inno di lode

21In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza.22 Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».


23E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «
Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. 24Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

preghiera Pasqua 2020 padre Rungi

(Preghiera tratta dall’articolo sito h24 notizie)

 

agli duici de abbrile dumilaevvénti è Pàscua.

se ice:

Pàscua n. pr. Pasqua; – chi de Pèscua no nsagna, tuttu j’annu se lagna;Natàle a gliu solóne e Pàscua a gliu focóne.

Comme ice Papa Francesco, non facimo murìne la speranza.

Non campimo, comme se Gesù non fosse statu missu ncroce pe niàri.

Gesù è viu e stà mméso a niàri; circhimuju.

Co tuttu chéllo che succète de bruttu, ju cristianu nonn-hata èsse tristu.

Che la gióglia (GIOIA) sinca nzunu a niàri sèmpe.

A ssi réazzi icio, de sperà sèmpe lo bè!

Bona Pàscua de còre, a tutti cuànti.

Fefè.

Gesù ha risuscitatu ma niari ci ficchimo le véta e non ci créimo a Issu…

Ascolta:

VICTIMAE PASCHALI LAUDES, Schola Gregoriana Mediolanensis, Dir. Giovanni Vianini, Milano, It.

Gesùne, c’àllonca sèmpe na mani, puru doa -se ‘llo ulimo-…

VANGELO

 Egli doveva risuscitare dai morti.

Dal Vangelo secondo Giovanni 20, 1-9

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.

 Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».

  Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro.

 Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.

 Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo  capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.

  Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la  Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

palómma ‘e lla pace

 

Pasqua, festa della vita

 

Sono i giorni supremi, i giorni del nostro destino. «Volete sapere qualcosa di voi e di Me? – dice il Signore –. Vi do un appuntamento: un uomo in croce. Volgete lo sguardo a Colui che è posto in alto».

Il giorno prima, giovedì, l’appuntamento di Dio è stato un altro: uno che è posto in basso. Che cinge un asciugamano e si china a lavare i piedi ai suoi. Chi è Dio? Il tuo lavapiedi. In ginocchio davanti a me. Le sue mani sui miei piedi. Davvero, come a Pietro, ci viene da dire: ma Tu sei tutto matto. E Lui a ribadire: sono come lo schiavo che ti aspetta, e al tuo ritorno ti lava i piedi. Il cristianesimo è scandalo e follia.

E io, nella vita, di fronte all’uomo che atteggiamento ho? Quanto somigliante a quello del Salvatore? Sono il servitore del bisogno e della gioia di mio fratello? Sono il lavapiedi dell’uomo?

Ve la immaginate una umanità dove ognuno corre ai piedi dell’altro? Dove ognuno si inchina davanti all’uomo, come il gesto emozionante del vescovo di Roma che si inchina, al balcone di San Pietro, al suo primo apparire, chiedendo preghiera e benedizione, dando venerazione e onore a ogni figlio della terra?

La croce è l’immagine più pura e più alta che Dio ha dato di se stesso. «Per sapere chi sia Dio devo solo inginocchiarmi ai piedi della Croce» (Karl Rahner).

Dio è così: è bacio a chi lo tradisce. Non spezza nessuno, spezza se stesso. Non versa il sangue di nessuno, versa il proprio sangue. Non chiede più sacrifici a me, sacrifica se stesso per me.

E noi qui disorientati, che non capiamo. Ma poi lo stupore, e anche l’innamoramento. Dopo duemila anni sentiamo, come le donne, il centurione, il ladro, che nella Croce c’è attrazione e seduzione, c’è bellezza. La suprema bellezza della storia è quella accaduta fuori Gerusalemme, sulla collina dove il Figlio di Dio si lascia inchiodare, povero e nudo, per morir d’amore. Dove un amore eterno penetra nel tempo come una goccia di fuoco, e divampa.

Fondamento della fede cristiana è la cosa più bella del mondo: un atto d’amore totale. La croce è domanda sempre aperta, so di non capire. Alla fine però ciò che convince è di una semplicità assoluta:

Perché la croce / il sorriso / la pena inumana?/

Credimi / è così semplice / quando si ama. (Jan Twardowski)

Si fece buio su tutta la terra da mezzogiorno fino alle tre. Una notazione temporale che ha il potere di riempirmi di speranza: perché dice che è fissato un limite alla tenebra, un argine al dolore: tre ore può infierire, ma non andrà oltre, poi il sole ritorna. Così fu in quel giorno, così sarà anche nei giorni della nostra angoscia.

«Ciò che ci fa credere è la croce, ma ciò in cui crediamo è la vittoria della croce, la vittoria della vita» (Pascal).

(Letture: Isaia 50, 4-7; Salmo 21; Filippèsi 2,6-11; Luca 22, 14-23.56).

 

Tratto da Ermes Ronchi, L’Amore eterno penetra nel tempo, Avvenire, 21 marzo 2013.

ti adoro o croce santa Subbjacumeo

TI ADORO O CROCE SANTA (Recitata 33 volte il Venerdì Santo, libera 33 Anime del Purgatorio. Recitata 50 volte ogni venerdì, ne libera 5. Venne confermata dai Papi Adriano VI, Gregorio XIII e Paolo VI).

riflessioni SUL TRIDUO PASQUALE 

Giovedì Santo

Lava anche tu i piedi del tuo fratello e proverai la gioia di vivere. Solo chi serve trova la felicità. Solo chi serve abbatte le frontiere e crea vicinanza. Solo chi serve è discepolo bello: potrà riprendere le sue vesti e indossarle, senza che diventino una camicia di forza. Solo chi serve può sedersi a tavola e spezzare il pane fra tutti. I popoli del mondo attendono anche noi, Chiesa, laviamo loro i piedi, perché la vita sia per tutti.

 

Venerdì santo

 Sono molte le Parole che Giovanni mette sulla bocca di Gesù sulla croce. Sono molte le parole che vengono pronunciate attorno alla croce. Qual è quella che quest’anno, nella situazione concreta in cui tu ti trovi, senti che ti è più vicina? Qual è quella di cui ha più bisogno la Chiesa nell’anno santo della misericordia? Qual è quella di cui ha più bisogno il mondo in cui viviamo? Leggi il racconto della Passione secondo Giovanni e soffermati sulle parole pronunciate da Gesù e da chi gli stava attorno, mentre era “innalzato” sulla croce.

  

Sabato santo

Anche oggi uno spazio di silenzio. Siediti davanti a qual sepolcro in cui stoltamente è stata rinchiusa la vita illudendosi che possa esistere un luogo capace di imprigionarla. Contempla tutti i sepolcri in cui noi, donne e uomini stolti, stiamo rinchiudendo la vita di persone e popoli con tanto di nomi e cognomi. Contempla il sepolcro dove giace chi è stato crocifisso oggi e vedi in questo sepolcro la cui pietra verrà rotolata. Chiedi di essere colei o colui che rotola via la pietra che chiude il sepolcro.

 

Pasqua del Signore

Il cammino inizia quando “era ancora buio”. Le nostre certezze non sono la luce. La luce che tutto rischiara è quella della fede, che nasce dal vedere e credere: “vide e credette”.

Il cammino è sempre frutto di una scelta personale, ma non è mai un cammino percorso da soli.

Il discepolo che era giunto per primo non vede che pochi oggetti.

Vede il vuoto e quel vuoto riempito della Parola, lo apre alla fede: vide e credette. Non vede nessuno e crede nel trionfo della vita! È la Parola che fa nascere la fede nella risurrezione; quella Parola che all’inizio ha dato vita a tutte le cose, quella Parola che ci ha costituiti “santi”, santi per chiamata.

La riconciliazione con Dio

Guardiamo nel profondo dei nostri cuori e riconciliamoci con Dio,

nostro Signore e Padre eterno e misericordioso.

Chiediamo a Dio che ci illumini e ci faccia ritrovare la pace del cuore, in questo cammino quaresimale che ci porta alla luce Pasquale.

I VIDEO:

Il Sacramento della Riconciliazione

 Papa Francesco –

PAPA FRANCESCO SUL SACRAMENTO DELLA RICONCILIAZIONE

http://www.subbjacumeo.it/diuzione-preghiera/confessarese-confessarsi/

Preghiera Pranzo di Pasqua

(in tempo di Pasqua)

Dio, autore d’ogni grazia,

che nella risurrezione del tuo Figlio

ci hai fatto passare dalla morte alla vita,

benedici noi e il cibo

che stiamo per prendere e fa’

che possiamo testimoniare con le opere

quanto professiamo con la fede.

 

Per Cristo nostro Signore. Amen.

Pasqua_2015 papa francesco subbj

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ndurgènza pe ssu virusse!!! Stiteve réntro!!!

stimoci réntro 2 subbj

Decreto della Penitenzieria Apostolica circa la concessione di speciali Indulgenze ai fedeli
nell’attuale situazione di pandemia

PENITENZIERIA APOSTOLICA
DECRETO

Si concede il dono di speciali Indulgenze ai fedeli affetti dal morbo Covid-19, comunemente detto Coronavirus, nonché agli operatori sanitari, ai familiari e a tutti coloro che a qualsivoglia titolo, anche con la preghiera, si prendono cura di essi.  preghiera» (Rm 12,12). Le parole scritte da San Paolo alla Chiesa di Roma risuonano lungo l’intera storia della Chiesa e orientano il giudizio dei fedeli di fronte ad ogni sofferenza, malattia e calamità….

Il momento presente in cui versa l’intera umanità, minacciata da un morbo invisibile e insidioso, che ormai da tempo è entrato prepotentemente a far parte della vita di tutti, è scandito giorno dopo giorno da angosciose paure, nuove incertezze e soprattutto diffusa sofferenza fisica e morale.
La Chiesa, sull’esempio del suo Divino Maestro, ha avuto da sempre a cuore l’assistenza agli infermi. Come indicato da San Giovanni Paolo II, il valore della sofferenza umana è duplice: «È soprannaturale, perché si radica nel mistero divino della redenzione del mondo, ed è, altresì, profondamente umano, perché in esso l’uomo ritrova se stesso, la propria umanità, la propria dignità, la propria missione» (Lett. Ap. Salvifici doloris,
31).
Anche Papa Francesco, in questi ultimi giorni, ha manifestato la sua paterna vicinanza e ha rinnovato l’invito a pregare incessantemente per gli ammalati di Coronavirus.
Affinché tutti coloro che soffrono a causa del Covid-19, proprio nel mistero di questo patire possano riscoprire «la stessa sofferenza redentrice di Cristo» (ibid., 30), questa Penitenzieria Apostolica, ex auctoritate Summi Pontificis, confidando nella parola di Cristo Signore e considerando con spirito di fede l’epidemia attualmente in corso, da vivere in chiave di conversione personale, concede il dono delle Indulgenze a tenore del seguente dispositivo.
Si concede l’Indulgenza plenaria ai fedeli affetti da Coronavirus, sottoposti a regime di quarantena per disposizione dell’autorità sanitaria negli ospedali o nelle proprie abitazioni se, con l’animo distaccato da qualsiasi peccato, si uniranno spiritualmente attraverso i mezzi di comunicazione alla celebrazione della Santa Messa, alla recita del Santo Rosario, alla pia pratica della Via Crucis o ad altre forme di devozione, o se almeno reciteranno il Credo, il Padre Nostro e una pia invocazione alla Beata Vergine Maria, offrendo questa prova in spirito di fede in Dio e di carità verso i fratelli, con la volontà di adempiere le solite condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre), non appena sarà loro possibile.
Gli operatori sanitari, i familiari e quanti, sull’esempio del Buon Samaritano, esponendosi al rischio di contagio, assistono i malati di Coronavirus secondo le parole del divino Redentore: «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13), otterranno il medesimo dono dell’Indulgenza plenaria alle stesse condizioni.
Questa Penitenzieria Apostolica, inoltre, concede volentieri alle medesime condizioni l’Indulgenza plenaria in occasione dell’attuale epidemia mondiale, anche a quei fedeli che offrano la visita al Santissimo Sacramento, o l’adorazione Eucaristica, o la lettura delle Sacre Scritture per almeno mezz’ora, o la recita del Santo Rosario, o il pio esercizio della Via Crucis, o la recita della Coroncina della Divina Misericordia, per implorare da Dio
Onnipotente la cessazione dell’epidemia, il sollievo per coloro che ne sono afflitti e la salvezza eterna di quanti il Signore ha chiamato a sé.
La Chiesa prega per chi si trovasse nell’impossibilità di ricevere il sacramento dell’Unzione degli infermi e del Viatico, affidando alla Misericordia divina tutti e ciascuno in forza della comunione dei santi e concede al fedele l’Indulgenza plenaria in punto di morte, purché sia debitamente disposto e abbia recitato abitualmente durante la vita qualche preghiera (in questo caso la Chiesa supplisce alle tre solite condizioni richieste).

Per il conseguimento di tale indulgenza è raccomandabile l’uso del crocifisso o della croce (cf. Enchiridion indulgentiarum, n.12).
La Beata sempre Vergine Maria, Madre di Dio e della Chiesa, Salute degli infermi e Aiuto dei cristiani, Avvocata nostra, voglia soccorrere l’umanità sofferente, respingendo da noi il male di questa pandemia e ottenendoci ogni bene necessario alla nostra salvezza e santificazione.
Il presente Decreto è valido nonostante qualunque disposizione contraria.
Dato in Roma, dalla sede della Penitenzieria Apostolica, il 19 marzo 2020.
Mauro Card. Piacenza
Penitenziere Maggiore
Krzysztof Nykiel
Reggente

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Venardì Santu (chist’annu solo affàtti aglju balco’!!)

La pricissió (video) de venardì santu (video)

pricissione venardì santu subby 2

La processione di venerdì santo a Subiaco (RM) Italy – 29 marzo 2013

Puisia:

La pricissió de venardì Santu

Gesù Cristu alloncatu sópe na littica,

na prucissió devòta che te prèca a capu bassu,

nu vòto réntro ju còre che te sempra n’abissu,

te sinti retrícinu, comme cotto dall’ardica.

Te passunu tanti pinzieri pe gliu capu,

pinzi a Gesùne cuànto préchea ncima a chigl’orto,

cuminzi a scanzà réntro ‘e-ttine ju peccàtu,

e préche s’ha mmórto?

E che, sso statu éo?

Lo friddu attórno e réntro a tine…,

se coménza a fa sintine,

solo i fucuni de piazza Pucinèlla te reportanu agliu munnu,

salli le scali finu a mpréstecata

ju fócone russu ju ncuntri ncima a lla sallita

èsso la Valle, caíne de fóco, addóre de fascine,

e cuàntu te si mpò scallatu, a capu bassu,

e sotte óce, addomanni “perdono Mio Dio, Mio Dio… perdono,

perdono Mio Dio, perdono e Pietàaaa…”.

Calènno pe lla scésa s’aria attèra a lla Missió,

cacunu se reficca réntro, ma la pricissió,

s’arésbòta e n’aru focó ju truvi ardu e russu alle scòle ‘e ‘lle Arti.

Cuàttro scàli e si ariatu agl’Arcu,

riggiri e prichi ju Sarvatore e te ve rescàllénno tuttu,

n’ara prichiéra e si ariatu finènte attèra agliu Campu,

adda che focó ranne!

Gesù mméo, so tenutu moto de penzàne,

ti simo missu niari lòco ncima, attaccatu comme nu cane,

j’òmo ju peccatu, ju tè rèntro e ju jètta fòri co lla léncua,

ma sarvaci tune, la doméneca de Pàscua,

preché sine ju Patretèrno,

e non ci fa ì a scallà, attèra pe l’infèrno.

  Fefè

manniteme le foto degli fucuni de venardì santu (foto vecchie e nóve) su info@subbjacumeo.it

cràsie

Le 7parole di Gesù sulla croce -venerdì santo

Mi raccomando oggi (venerdì Santo) inizia la novena alla Divina Misericordia che terminerà la domenica dopo Pasqua ovvero appunto Domenica della Divina Misericordia.

ti adoro o croce santa Subbjacumeo

VENERDÌ      SANTO
PASSIONE DEL SIGNORE

VIDEO:
https://www.youtube.com/watch?v=v9qFgGoD1xQ

delle tre madri 

 

 

1970 La buona novella..

TRE MADRI

 

- Testo
Madre di Tito:
“Tito, non sei figlio di Dio,
ma c’è chi muore nel dirti addio”.

Madre di Dimaco:
“Dimaco, ignori chi fu tuo padre,
ma più di te muore tua madre”.

Le due madri:
“Con troppe lacrime piangi, Maria,
solo l’immagine dI un’agonia:
sai che alla vita, nel terzo giorno,
il figlio tuo farà ritorno:
lascia noi piangere, un po’ più forte,
chi non risorgerà più dalla morte”.

Madre di Gesù:
“Piango di lui ciò che mi è tolto,
le braccia magre, la fronte, il volto,
ogni sua vita che vive ancora,
che vedo spegnersi ora per ora.

Figlio nel sangue, figlio nel cuore,
e chi ti chiama – Nostro Signore -,
nella fatica del tuo sorriso
cerca un ritaglio di Paradiso.

Per me sei figlio, vita morente,
ti portò cieco questo mio ventre,
come nel grembo, e adesso in croce,
ti chiama amore questa mia voce.

Non fossi stato figlio di Dio
t’avrei ancora per figlio mio
“.

commento:

Posted in Uncategorized | Leave a comment

agli ventunu (21) de marzu – fèsta de San Benetétto

San Benetétto,

sarvaci tùne!!!

Stu virus recacciaju e scunfiggiju!

Preca pe niàri figgli téi. 

Marzu San Benetétto e ll’Annunziàta, la primavièra è bbell’e commenzata;

 e sse frebbàru no nfrebbaría, Marzu male pénza pe lla via

San Benedetto patrono de Subbjàcu e d’Europa

 A SAN BENEDETTO


O Benedetto santo:
Benedetto di nome e di fatto,
Su tortuoso sentiero di questo monte Taleo,
t’inerpicasti, scegliendo per tua dimora una grotta
e per regola di vita quell’ORA et LABORA
Che fu luce ai tuoi passi
e a quelli di chi è vero uomo,
vero intenditore di questa nostra vita:
ponte e portale di quella
che vivremo per un’ETERNITÀ di gioia.
O Benedetto santo:
Benedetto di nome e di fatto,
intercedi per questa nostra cara Europa;
fa che, non più frammentata e oscura
in meschine lotte per soldi e potere,
conosca invece la forza e la nobiltà
del tendere la mano a quanti,
fratelli percossi, sfruttati e depressi,
affogano nelle acque inquinate
di promesse menzognere e confusione
O Benedetto santo,
Benedetto di nome e di fatto
risveglia i dormienti,
consegna a chi lavora solo per soldi
il preziosissimo invito a pregare.
A chi neghittoso e goloso
affonda, triste, in disonesti piaceri.
consegna Tu quell’imperativo: “LABORA”
fratello all’indiscutibile prioritario “ORA”.
Aiutaci, Benedetto Santo,
a pregare per vivere in pienezza;
aiutaci a LAVORARE proteggendo
e incentivando questo nostro caro bel pianeta.
Poi prendici per mano sull’erta strada del monte.
a salire liberi e lieti nel sole,
perché come Te consapevoli
che Gesù ci orienta e precede,
Lui che ha detto: Io Sono la Luce del Mondo,
al vostro cuore, cercatore tanto inquieto,
rispondo: “Io sono l’Amore”


Sr. Maria Pia Giudici
S. Biagio 11 Luglio 2019

(Sia benétta)

San Benedetto, Fondatore del monachesimo occidentale, e anche Patrono del mio pontificato. Comincio con una parola di san Gregorio Magno, che scrive di san Benedetto: “L’uomo di Dio che brillò su questa terra con tanti miracoli non rifulse meno per l’eloquenza con cui seppe esporre la sua dottrina” (Dial. II, 36). Queste parole il grande Papa scrisse nell’anno 592; il santo monaco era morto appena 50 anni prima ed era ancora vivo nella memoria della gente e soprattutto nel fiorente Ordine religioso da lui fondato. San Benedetto da Norcia con la sua vita e la sua opera ha esercitato un influsso fondamentale sullo sviluppo della civiltà e della cultura europea. La fonte più importante sulla vita di lui è il secondo libro dei Dialoghi di san Gregorio Magno. Non è una biografia nel senso classico. Secondo le idee del suo tempo, egli vuole illustrare mediante l’esempio di un uomo concreto – appunto di san Benedetto – l’ascesa alle vette della contemplazione, che può essere realizzata da chi si abbandona a Dio. Quindi ci dà un modello della vita umana come ascesa verso il vertice della perfezione. San Gregorio Magno racconta anche, in questo libro dei Dialoghi, di molti miracoli compiuti dal Santo, ed anche qui non vuole semplicemente raccontare qualche cosa di strano, ma dimostrare come Dio, ammonendo, aiutando e anche punendo, intervenga nelle concrete situazioni della vita dell’uomo. Vuole mostrare che Dio non è un’ipotesi lontana posta all’origine del mondo, ma è presente nella vita dell’uomo, di ogni uomo.

Questa prospettiva del “biografo” si spiega anche alla luce del contesto generale del suo tempo: a cavallo tra il V e il VI secolo il mondo era sconvolto da una tremenda crisi di valori e di istituzioni, causata dal crollo dell’Impero Romano, dall’invasione dei nuovi popoli e dalla decadenza dei costumi. Con la presentazione di san Benedetto come “astro luminoso”, Gregorio voleva indicare in questa situazione tremenda, proprio qui in questa città di Roma, la via d’uscita dalla “notte oscura della storia” (cfr Giovanni Paolo II, Insegnamenti, II/1, 1979, p. 1158). Di fatto, l’opera del Santo e, in modo particolare, la sua Regola si rivelarono apportatrici di un autentico fermento spirituale, che mutò nel corso dei secoli, ben al di là dei confini della sua Patria e del suo tempo, il volto dell’Europa, suscitando dopo la caduta dell’unità politica creata dall’impero romano una nuova unità spirituale e culturale, quella della fede cristiana condivisa dai popoli del continente. E’ nata proprio così la realtà che noi chiamiamo “Europa”.

La nascita di san Benedetto viene datata intorno all’anno 480. Proveniva, così dice san Gregorio, “ex provincia Nursiae” – dalla regione della Nursia. I suoi genitori benestanti lo mandarono per la sua formazione negli studi a Roma. Egli però non si fermò a lungo nella Città eterna. Come spiegazione pienamente credibile, Gregorio accenna al fatto che il giovane Benedetto era disgustato dallo stile di vita di molti suoi compagni di studi, che vivevano in modo dissoluto, e non voleva cadere negli stessi loro sbagli. Voleva piacere a Dio solo; “soli Deo placere desiderans” (II Dial., Prol 1). Così, ancora prima della conclusione dei suoi studi, Benedetto lasciò Roma e si ritirò nella solitudine dei monti ad est di Roma. Dopo un primo soggiorno nel villaggio di Effide (oggi: Affile), dove per un certo periodo si associò ad una “comunità religiosa” di monaci, si fece eremita nella non lontana Subiaco. Lì visse per tre anni completamente solo in una grotta che, a partire dall’Alto Medioevo, costituisce il “cuore” di un monastero benedettino chiamato “Sacro Speco”. Il periodo in Subiaco, un periodo di solitudine con Dio, fu per Benedetto un tempo di maturazione. Qui doveva sopportare e superare le tre tentazioni fondamentali di ogni essere umano: la tentazione dell’autoaffermazione e del desiderio di porre se stesso al centro, la tentazione della sensualità e, infine, la tentazione dell’ira e della vendetta. Era infatti convinzione di Benedetto che, solo dopo aver vinto queste tentazioni, egli avrebbe potuto dire agli altri una parola utile per le loro situazioni di bisogno. E così, riappacificata la sua anima, era in grado di controllare pienamente le pulsioni dell’io, per essere così un creatore di pace intorno a sé. Solo allora decise di fondare i primi suoi monasteri nella valle dell’Anio, vicino a Subiaco.

Nell’anno 529 Benedetto lasciò Subiaco per stabilirsi a Montecassino. Alcuni hanno spiegato questo trasferimento come una fuga davanti agli intrighi di un invidioso ecclesiastico locale. Ma questo tentativo di spiegazione si è rivelato poco convincente, giacché la morte improvvisa di lui non indusse Benedetto a ritornare (II Dial. 8). In realtà, questa decisione gli si impose perché era entrato in una nuova fase della sua maturazione interiore e della sua esperienza monastica. Secondo Gregorio Magno, l’esodo dalla remota valle dell’Anio verso il Monte Cassio – un’altura che, dominando la vasta pianura circostante, è visibile da lontano – riveste un carattere simbolico: la vita monastica nel nascondimento ha una sua ragion d’essere, ma un monastero ha anche una sua finalità pubblica nella vita della Chiesa e della società, deve dare visibilità alla fede come forza di vita. Di fatto, quando, il 21 marzo 547, Benedetto concluse la sua vita terrena, lasciò con la sua Regola e con la famiglia benedettina da lui fondata un patrimonio che ha portato nei secoli trascorsi e porta tuttora frutto in tutto il mondo.

Nell’intero secondo libro dei Dialoghi Gregorio ci illustra come la vita di san Benedetto fosse immersa in un’atmosfera di preghiera, fondamento portante della sua esistenza. Senza preghiera non c’è esperienza di Dio. Ma la spiritualità di Benedetto non era un’interiorità fuori dalla realtà. Nell’inquietudine e nella confusione del suo tempo, egli viveva sotto lo sguardo di Dio e proprio così non perse mai di vista i doveri della vita quotidiana e l’uomo con i suoi bisogni concreti. Vedendo Dio capì la realtà dell’uomo e la sua missione. Nella sua Regola egli qualifica la vita monastica “una scuola del servizio del Signore” (Prol. 45) e chiede ai suoi monaci che “all’Opera di Dio [cioè all’Ufficio Divino o alla Liturgia delle Ore] non si anteponga nulla” (43,3). Sottolinea, però, che la preghiera è in primo luogo un atto di ascolto (Prol. 9-11), che deve poi tradursi nell’azione concreta. “Il Signore attende che noi rispondiamo ogni giorno coi fatti ai suoi santi insegnamenti”, egli afferma (Prol. 35). Così la vita del monaco diventa una simbiosi feconda tra azione e contemplazione “affinché in tutto venga glorificato Dio” (57,9). In contrasto con una autorealizzazione facile ed egocentrica, oggi spesso esaltata, l’impegno primo ed irrinunciabile del discepolo di san Benedetto è la sincera ricerca di Dio (58,7) sulla via tracciata dal Cristo umile ed obbediente (5,13), all’amore del quale egli non deve anteporre alcunché (4,21; 72,11) e proprio così, nel servizio dell’altro, diventa uomo del servizio e della pace. Nell’esercizio dell’obbedienza posta in atto con una fede animata dall’amore (5,2), il monaco conquista l’umiltà (5,1), alla quale la Regola dedica un intero capitolo (7). In questo modo l’uomo diventa sempre più conforme a Cristo e raggiunge la vera autorealizzazione come creatura ad immagine e somiglianza di Dio.

All’obbedienza del discepolo deve corrispondere la saggezza dell’Abate, che nel monastero tiene “le veci di Cristo” (2,2; 63,13). La sua figura, delineata soprattutto nel secondo capitolo della Regola, con un profilo di spirituale bellezza e di esigente impegno, può essere considerata come un autoritratto di Benedetto, poiché – come scrive Gregorio Magno – “il Santo non poté in alcun modo insegnare diversamente da come visse” (Dial. II, 36). L’Abate deve essere insieme un tenero padre e anche un severo maestro (2,24), un vero educatore. Inflessibile contro i vizi, è però chiamato soprattutto ad imitare la tenerezza del Buon Pastore (27,8), ad “aiutare piuttosto che a dominare” (64,8), ad “accentuare più con i fatti che con le parole tutto ciò che è buono e santo” e ad “illustrare i divini comandamenti col suo esempio” (2,12). Per essere in grado di decidere responsabilmente, anche l’Abate deve essere uno che ascolta “il consiglio dei fratelli” (3,2), perché “spesso Dio rivela al più giovane la soluzione migliore” (3,3). Questa disposizione rende sorprendentemente moderna una Regola scritta quasi quindici secoli fa! Un uomo di responsabilità pubblica, e anche in piccoli ambiti, deve sempre essere anche un uomo che sa ascoltare e sa imparare da quanto ascolta.

Benedetto qualifica la Regola come “minima, tracciata solo per l’inizio” (73,8); in realtà però essa offre indicazioni utili non solo ai monaci, ma anche a tutti coloro che cercano una guida nel loro cammino verso Dio. Per la sua misura, la sua umanità e il suo sobrio discernimento tra l’essenziale e il secondario nella vita spirituale, essa ha potuto mantenere la sua forza illuminante fino ad oggi. Paolo VI, proclamando nel 24 ottobre 1964 san Benedetto Patrono d’Europa, intese riconoscere l’opera meravigliosa svolta dal Santo mediante la Regola per la formazione della civiltà e della cultura europea. Oggi l’Europa – uscita appena da un secolo profondamente ferito da due guerre mondiali e dopo il crollo delle grandi ideologie rivelatesi come tragiche utopie – è alla ricerca della propria identità. Per creare un’unità nuova e duratura, sono certo importanti gli strumenti politici, economici e giuridici, ma occorre anche suscitare un rinnovamento etico e spirituale che attinga alle radici cristiane del Continente, altrimenti non si può ricostruire l’Europa. Senza questa linfa vitale, l’uomo resta esposto al pericolo di soccombere all’antica tentazione di volersi redimere da sé – utopia che, in modi diversi, nell’Europa del Novecento ha causato, come ha rilevato il Papa Giovanni Paolo II, “un regresso senza precedenti nella tormentata storia dell’umanità” (Insegnamenti, XIII/1, 1990, p. 58). Cercando il vero progresso, ascoltiamo anche oggi la Regola di san Benedetto come una luce per il nostro cammino. Il grande monaco rimane un vero maestro alla cui scuola possiamo imparare l’arte di vivere l’umanesimo vero.

Autore:

Papa Benedetto XVI (Udienza Generale 9.04.2008)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

PREMIO DI POESIA E STORNELLI INEDITI NEI DIALETTI DEL LAZIO “VINCENZO SCARPELLINO” NONA EDIZIONE 2020

premio Scarpellino 2020

 

PREMIO DI POESIA E STORNELLI INEDITI NEI DIALETTI DEL LAZIO “VINCENZO SCARPELLINO” NONA EDIZIONE 2020

L’Associazione ‘L’INCONTRO Associazione Culturale di Tor Tre teste APS’ (via Roberto Lepetit, 86, 00155 Roma) in collaborazione con l’Associazione Periferie,

BANDISCE

 la decima edizione del Premio di poesia e stornelli inediti nei dialetti del Lazio, intitolato al poeta romanesco Vincenzo Scarpellino.

Il concorso consta di tre sezioni:

Sezione A per gli autori che compongono poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio.

Sezione B per gli autori che compongono stornelli inediti in uno dei dialetti del Lazio

Sezione C per poesie e stornelli in uno dei dialetti del Lazio – riservata agli studenti

  
 PARTECIPAZIONE E SCADENZA

 Sezione A poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio

Ogni autore può inviare fino a tre poesie, di massimo 30 versi ciascuna, inedite (in volume, rivista o altro organo di stampa o di diffusione telematica) e mai premiate in altre competizioni. Le poesie dovranno essere accompagnate dalla relativa traduzione in italiano.

 Sezione B stornelli inediti in uno dei dialetti del Lazio

Ogni autore dovrà inviare tre poesie in forma di stornello classico (anche detto ritornello), intendendo con questa tipologia un componimento di soli tre versi: il primo quinario e gli altri due endecasillabi, dove il quinario è in rima col terzo verso, ed il secondo è rispetto agli altri due in consonanza e semiassonanza (uguali solo tutte le consonanti rimiche e la vocale finale).

Sezione C poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio (Studenti)

Ogni autore partecipa con 1 poesia di massimo 30 versi, assolutamente inedita (in volume, rivista o qualsiasi altro organo di stampa o di diffusione telematica) e mai premiata in altre competizioni.

 

 

È consentita la partecipazione sia alla Sezione A che alla Sezione B.

La partecipazione al Premio è gratuita.

Ogni autore dovrà attestare che le opere sono inedite e non già premiate e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati.

I testi dovranno essere inviati entro il 31 marzo 2020 all’indirizzo di posta culturalepetit@gmail.com in un unico file contenente, oltre alle poesie, anche nome, cognome, età, indirizzo, email, telefono.

I partecipanti devono inviare alla segreteria del Premio, insieme alle opere, la scheda d’adesione allegata al bando scaricabile dai siti:

www.centroculturalepetit.com o www.poetidelparco.it

Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

In caso di iscrizione da parte di minorenne, la sottoscrizione della scheda d’adesione dovrà essere controfirmata da chi ne esercita la patria potestà.

L’organizzazione si riserva la possibilità di prorogare la scadenza per ragioni organizzative.

La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo regolamento e, per i vincitori, la divulgazione del proprio nome, cognome e premio vinto su qualsiasi pubblicazione.

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della giuria.

Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del presente bando sarà pubblicata sui siti: www.centroculturalepetit.it e www.poetidelparco.it.

 

Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di pubblicazione, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore, all’interno della pubblicazione che sarà realizzata a cura del Premio.

 

 

 

PROCLAMAZIONE DEI VINCITORI E PREMI

 L’Associazione “L’INCONTRO Associazione Culturale di Tor Tre teste APS’” comunicherà in tempo utile, attraverso i siti www.centroculturalepetit.it e www.poetidelparco.it il luogo, il giorno e l’ora della cerimonia di premiazione.

I primi 3 classificati delle sezioni A e B e C avranno in premio: coppe e targhe, libri e la pubblicazione delle loro poesie nel volume antologico dedicato al Premio Scarpellino 2020, pubblicato da Edizioni Cofine.

Nello stesso volume sarà pure pubblicata una poesia e uno stornello degli altri poeti finalisti che riceveranno anche libri e altri riconoscimenti. Tutti i partecipanti riceveranno un Attestato.

 LA GIURIA

La Giuria procederà, a suo insindacabile giudizio, alla selezione per ogni poeta di una delle poesie o stornello inviati e alla proclamazione dei vincitori.

La Giuria è composta da: Cosma Siani (critico letterario, docente di Lingua e Letteratura inglese, Università di Roma “Tor Vergata”, Presidente della Giuria), Sandro Bari (direttore rivista “Voce Romana”), Paola Cacciotti (Docente scuola Primaria), Paolo D’Achille (professore ordinario di Linguistica Italiana, Università Roma Tre), Francesca Dragotto (Università di Tor Vergata); Aurora Fratini (poetessa e regista), Giorgio Grillo (Presidente della Associazione “L’INCONTRO”), Vincenzo Luciani (poeta, e studioso della poesia e dei dialetti del Lazio); Franco Onorati (Centro Studi “G. G. Belli”).

 Per informazioni rivolgersi al 06.2283794 dalle 17 alle 19,30, escluso mercoledì e sabato o al 3355788173 oppure ad uno degli indirizzi email:culturalepetit@gmail.comgio0249@gmail.com

Informativa ai sensi della Legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Il trattamento dei dati, di cui si garantisce la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini del concorso cui si partecipa. I dati dei concorrenti non verranno diffusi o comunicati a terzi a qualsiasi titolo e gli interessati potranno richiederne gratuitamente la cancellazione o la modifica.

 Il presidente dell’Associazione L’INCONTRO, Giorgio Grillo

 

 SCHEDA DI ADESIONE IV EDIZIONE PREMIO VINCENZO SCARPELLINO 2020

 

Nome ………………………….…………………………………………………………………..…………

 

Cognome …………………………………………………………………………………………………….

 

Nato a ………………………………………………………………………………. Prov. ……………

 

Data di nascita .…………………………………………………

 

Indirizzo …………………………………………………………………………… CAP…………….

 

Città ………………………………………………………………………………………… Prov. ……………

 

Telefono ……………………………………. Fax ………………………..………………..

 

E-Mail ………………………………………………………………………………………………….

 

Tutti i campi sono obbligatori

I partecipanti autorizzano l’utilizzo dei dati personali così come previsto dal Dlgs 196/03. L’organizzazione informa inoltre i partecipanti che, sempre in ottemperanza di quanto previsto dal DLgs 196/03, i loro dati saranno utilizzati ai soli fini promozionali e che in qualsiasi momento potranno richiederne l’aggiornamento e/o la cancellazione.

 

……………………………………………………………………………………….……………………….

 

 

in caso di minore, dati anagrafici completi da parte di chi ne esercita la patria potestà.

 

Nome ………………………….…………………………………………………………………..…………

 Cognome …………………………………………………………………………………………………….

 Nato a ………………………………………………………………………………. Prov. ………………..

 Data di nascita .…………………………………………………

Indirizzo …………………………………………………………………………… CAP………………….

 Città ………………………………………………………………………………………… Prov. ………………

 

 

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Stimocénne alle casi se putimo.

Stimocénne alle casi se putimo.

 

Sarvuugnunu stu virusse!!!

 stimoci réntro 2 subbj

Pacénzia, càlema, cerevéglio e lontànu unu agl’aru se putimo!!!

 

Cuàntu finisce ballimo pe nnu mése!

 

Prichimo ju Santissimu che ci scampi e libbéri da sta’ ‘nfézzio’!

 

Santa Maria, madre nòstra, preca pe’ niàri, pori peccatori, ma figgli téi!

Aucuri a tutti,

Fefè

 

 

 

La preghiera della Cei alla Salus Infirmorum

L’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della Cei ha predisposto una preghiera per questo tempo di emergenza legato al Coronavirus: «O Dio onnipotente ed eterno, ristoro nella fatica, sostegno nella debolezza: da Te tutte le creature ricevono energia, esistenza e vita. Veniamo a Te per invocare la tua misericordia poiché oggi conosciamo ancora la fragilità della condizione umana vivendo l’esperienza di una nuova epidemia virale.

Affidiamo a Te gli ammalati e le loro famiglie: porta guarigione al loro corpo, alla loro mente e al loro spirito. Aiuta tutti i membri della società a svolgere il proprio compito e a rafforzare lo spirito di solidarietà tra di loro. Sostieni e conforta i medici e gli operatori sanitari in prima linea e tutti i curanti nel compimento del loro servizio. Tu che sei fonte di ogni bene, benedici con abbondanza la famiglia umana, allontana da noi ogni male e dona una fede salda a tutti i cristiani. Liberaci dall’epidemia che ci sta colpendo affinché possiamo ritornare sereni alle nostre consuete occupazioni e lodarti e ringraziarti con cuore rinnovato. In Te noi confidiamo e a Te innalziamo la nostra supplica perché Tu, o Padre, sei l’autore della vita, e con il tuo Figlio, nostro Signore Gesù Cristo, in unità con lo Spirito Santo, vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen. Maria, salute degli infermi, prega per noi!».

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Grazie suor Maria Pia. Dio ti benedica

Sr. Maria Pia Giudici 20-2-2020Grazie a tutta la comunità di San Biagio,

che alla fine degli anni ’80 e primi anni ’90, insieme a don Gigi, mi hanno fatto crescere umanamente e spiritualmente.

un abbraccio,

Fè.Fè

Posted in Uncategorized | Leave a comment

27 gennaio – giornata della memoria

…per non dimenticare, …mai!

Il 27 gennaio del 1945, le truppe sovietiche dell’Armata Rossa, nel corso dell’offensiva in direzione Berlino, entrarono a Auschwitz scoprendo il campo di concentramento e liberando i pochi superstiti. Ciò di cui si era discusso a lungo, tra smentite e mezze verità, ora era sotto gli occhi di tutti: l’orrore del genocidio nazista era testimoniata da quella struttura e dalle parole dei sopravvissuti.

 

 

 

 

 

I sovietici avevano già liberato campi come quello di Chelmno e Belzec, ma essendo di sterminio e non di concentramento, erano fabbriche della morte dove i deportati venivano immediatamente gasati. E’ per questo che il 27 gennaio è stata indicata dall’Onu quale giornata del ricordo della Shoah.

Una decisione recepita anche in Italia dagli articoli 1 e 2 della legge n. 211 del 20 luglio 2000 che definiscono così le finalità e le celebrazioni del Giorno della Memoria:

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. In occasione del ‘Giorno della Memoria’ di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinchè simili eventi non possano mai più accadere“.

uno dei video sulla giornata della memoria

L’eterno riposo dona loro Signore,

splenda per essi la luce perpetua, riposino in pace.

amen

O Madre Santa,

o Vergine Maria,

ti chiediamo perdono,

per quanto l’uomo, possa essere lupo all’uomo,

Ti chiediamo perdono,

perché ci hai donato tuo Figlio Gesù, per vivere in pace e amore tra noi,

e l’uomo, diventa una bestia feroce.

Scusaci Madre Santa,

prega e veglia su di noi, affinché possiamo guadagnare

il tuo Amore.

Ave Maria.

giornata della Memoria olocausto 27 gennaio

giornata della Memoria olocausto 27 gennaio

 

vicinoalfilospinato giornata della memoria

Giochi tra bambini vicino al filo spinato – giornata della memoria

Poesia giornata della memoria  Infanzia miserabile

Infanzia miserabile, catena che ti lega al nemico e alla forca.

Miserabile infanzia, che dentro il suo squallore già distingue il bene e il male.

Laggiù dove l’infanzia dolcemente riposa nelle piccole aiuole di un parco laggiù, in quella casa, qualcosa si è spezzato quando su me è caduto il disprezzo:

laggiù, nei giardini o nei fiori o sul seno materno,

dove io sono nato per piangere…

Alla luce di una candela m’addormento forse per capire un giorno che io ero una ben piccola cosa,

piccola come il coro dei 30.000, come la loro vita che dorme laggiù nei campi,

che dorme e si sveglierà, aprirà gli occhi e per non vedere troppo si lascerà riprendere dal sonno…

Zanus Zachenburg 1929.19. luglio – Auschwitz 1943. 18. dicembre

Il Mio Invito:

Mai saremo fuori dal pericolo, ovvero, che ciò si ripeta ancora,

che sia ora su un’etnia, una nazione, una fazione, un certo colore della pelle ecc ecc.

Abbattiamo i muri che sono dentro di noi, nei nostri cuori e costruiamo ponti per noi stessi, per i nostri figli e per l’umanità intera.

Ognuno faccia quanto è nelle proprie possibilità…

Auguri e coraggio,

la vita è bella, corta, ma meravigliosa.

Fernando Ferzioli -ittu- Fefè

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Aiutimugli (aiutiamoli)

Carissimi,

dal 2001 ormai vivo e lavoro a Roma.

La nuova comunità parrocchiale di Nostra Signora di Lourdes a Tor Marancia mi ha portato a conoscere tante e meravigliose persone.

 

Ho conosciuto nel quartiere belle persone che si impegnano per migliorare la vita a chi ne ha bisogno, vicino e lontano da noi. A parte gli amisi di Sant’Egidio che operano nel territorio di Roma, vorrei segnalarvi due belle realtà di associazioni che operano facendo della solidarietà fuori dall’Italia:

http://www.associazionegiraineza.it/chi-siamo/

Gli amici Jean Paul e Maria Antonietta hanno iniziato ad ideare e realizzare progetti per il Rwanda….

Gira-Ineza-Slide1-V1

 

 

 

 

 

Gli Amici del MAIS Onlus, soprattutto della cara Evola https://www.maisonlus.org/

hanno progetti in vari paesi del mondo.

Belem-padre-savino-mombelli

 

 

Sono piccole realtà associative che ci fanno sperare per un mondo migliore.

Chiunque voglia aiutarli, segua le indicazioni riportate nei rispettivi siti web.

Grazie,

Fernando

Posted in Uncategorized | Leave a comment

N’acúriu sincéro de nu Santu Natàle, degliu còre e degliu spiritu.

buon Natale

N’acúriu sincéro de Natàle, degliu còre e degliu spiritu.

Fefe’

 

 

“BAMBINO GESÙ ASCIUGA OGNI LACRIMA” 

  Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!
Accarezza il malato e l’anziano!
Spingi gli uomini
a deporre le armi
e a stringersi in un universale abbraccio di pace!
Invita i popoli,
misericordioso Gesù,
ad abbattere i muri
creati dalla miseria
e dalla disoccupazione,
dall’ignoranza
e dall’indifferenza,
dalla discriminazione e dall’intolleranza.
Sei tu,
Divino Bambino di Betlemme,
che ci salvi,
liberandoci dal peccato.
Sei tu il vero e unico Salvatore,
che l’umanità spesso cerca a tentoni.
Dio della pace,
dono di pace
per l’intera umanità, vieni a vivere
nel cuore di ogni uomo e di ogni famiglia.
Sii tu la nostra pace
e la nostra gioia!

Giovanni Paolo II

 

2019-Giuseppe-e-Maria-apriamo-il-cuore-a-Gesù-Bambino-fefè

Messaggio di Papa Francesco sul Natale:

il Natale di solito è una festa rumorosa: ci farebbe bene un po’ di silenzio per ascoltare la voce dell’Amore.

Natale sei tu quando decidi di nascere di nuovo ogni giorno e lasciare entrare Dio nella tua anima.

L’albero di Natale sei tu quando resisti vigoroso ai venti e alle difficoltà della vita.

Gli addobbi di Natale sei tu quando le tue virtù sono i colori che adornano la tua vita.

La campana di Natale sei tu quando illumini con la tua vita il cammino degli altri con la bontà, la pazienza l’allegria e la generosità.

Gli angeli di Natale sei tu quando canti al mondo un messaggio di pace, di giustizia e di amore.

La stella di Natale sei tu quando conduci qualcuno all’incontro con il Signore.

Sei anche i re magi quando dai il meglio che hai senza tenere conto a chi lo dai.

La musica di Natale sei tu quando conquisti  l’armonia dentro di te.

Il regalo di Natale sei tu quando sei un vero amico e fratello di tutti gli esseri umani.

Gli auguri di Natale sei tu quando perdoni e ristabilisci la pace, anche quando soffri.

Il cenone di Natale sei tu, quando sazi di pane e di speranza il povero che ti sta di fianco.

Tu sei la notte di Natale  quando umile e cosciente ricevi nel silenzio della notte il Salvatore del mondo senza rumori ne grandi celebrazioni; tu sei sorriso di confidenza e tenerezza nella pace interiore di un natale perenne che stabilisce il regno dentro di te.

Buon Natale a tutti coloro che assomigliano al Natale!!! 

Non è  più tempo

che le tenebre avvolgano la terra

non è più tempo

che il silenzio oscuri la voce

non è più tempo

che la rinuncia depredi la speranza ora,

nella profezia di pace

tu, Gesù, sei disceso

e la notte ti ha accolto

e la luce ti ha rivelato 

Parola incarnata

contagio divino nell’umana storia

effondi  il tuo amore di fiamma

come splendore sul fango

 sei tu la mitezza  che nulla pretende

la mano tesa che offre se stesso

l’aurora dilagante di turgide attese

 sei lo stupore del Creato

 come balsamo salvifico

fluisci

nelle fenditure profonde

della nostra fragile esistenza.

LA SPERANZA e l’invito

per tutti noi -io per primo-

è quella di FESTEGGIARE un Natale che NON dimentichi il FESTEGGIATO,

Gesù misericordioso. 

buon natale fefè 2016

 Poesia di  Natale
di David Maria Turoldo 

Mentre il silenzio fasciava la terra
                       

Mentre il silenzio fasciava la terra e la notte era a metà del suo corso,
tu sei disceso, o Verbo di Dio,
in solitudine e più alto silenzio.

La creazione ti grida in silenzio,
la profezia da sempre ti annuncia,
ma il mistero ha ora una voce,
al tuo vagito il silenzio è più fondo.

E pure noi facciamo silenzio,
più che parole il silenzio lo canti,
il cuore ascolti quest’unico verbo
che ora parla con voce di uomo.

A te, Gesù, meraviglia del mondo,
Dio che vivi nel cuore dell’uomo,
Dio nascosto in carne mortale,
a te l’amore che canta in silenzio.

                                                     Fefè
CARAVAGGIO natività coi i santi Francesco e Lorenzo

auguri-2018-regalo-papà-subbjacumeo

 

Ha Natu! Ha Natu ju mbambínu Gesù.

Só sicuru ca Gesùne ha natu, hau passati puru dumila anni e Chigliu no revè piùne n’ar’atr’òta.

Cercimo de fagliu renasce rentro ju còre ‘e ugnúnu ’e niàri e èsse più bóni tuttu j’annu. Lassimo sèmpe na sétia vòta vicinu a niàri,  facimoci assettà ju poracciu (non solo de sòrdi, ma de spíritu) che tenimo vicinu, lassimo sèmpe nu posto vòto…

La sera ‘e Natale, quantu se fa scuru, facimo rentrà lo giórno che ci reporta ju Bambineglio e facimo lo bè a chi ci stàne vicínu.

Pe sarvà ju munnu, non attòcca i lontanu la speranza ci vè da nu pupittu.

J’ aucúriu che ve faccio ène, che putíte ricée ju dono e gliu Natale réntro ju còre.

Fefè

PREGHIERA DINANZI AL PRESEPIO

Signore Gesù, noi ti vediamo bambino

e crediamo che tu sei il Figlio di Dio

e il nostro salvatore.

Con Maria, con gli angeli e con i pastori

noi ti adoriamo.

Ti sei fatto povero

per farci ricchi con la tua povertà:

concedi a noi di non dimenticarti mai

dei poveri e di tutti coloro che soffrono.

proteggi la nostra famiglia,

benedici i nostri piccoli doni,

che abbiamo offerto e ricevuto,

imitando il tuo amore.

Fa che regni sempre tra noi

questo senso di amore

che rende più felice la vita.

Dona un buon Natale a tutti, o Gesù,

perché tutti si accorgano che tu oggi sei venuto

a portare al mondo la gioia. Amen

Alcune poesie di Achille Pannunzi sul Natale:

                                                La festa ranne

È mezzanotte de gliu Santu giorno!

 Nasce ju Bambinu ’n meso a gli’asinégli

 e tu, affogatu ancora de frittégli,

 stà a fane la figura de gliu sciorno:

 preché co’ na dicina ’e tombolate

 diciotto mila lire t’hau fregate.

 E intantu pinzi sempre a gliu Governo,

 che la doppia mesata t’ha pagatu

 e, mancu a dillo, già stà disperatu.

 Cusì penzènno… t’arémagni ju terno.

 Réfane la figura ’e gliu fregnone

 quandu che ’n corpo bubbuja ju cenone.

 E non parlimo po’ de gli niputi,

 che a cena stau sopre ’e lle spine,

 finché ’n si letto sette littirine,

 a mille l’una, e guai se l’aréfiuti.

 A gli’occhi séi ci liggi le minacce,

 le ’mprécazziuni e tante… parolacce.

 Tuttu sommatu è la più festa bella.

 Réndrona pe’ le recchie ju campanone.

 Tantu se tratta ’e spégne nu bottone

 e non ci ’mporta delle cerévèlla.

 Repenzo a ’Mperatore, sia binittu,

 a gli «Acci corda!», ca se nno eri frittu!

La tombola

’Gni famiglia, la sera de Natale,

 araddunata a chélla tavolata,

 se scòrda dello bene e dello male:

 chéllo che conta è fa na tombolata!

Cusì, ju nonno, comme nu farghittu,

controlla spippacchiènno ’stu giuchittu. «Quantu custa masséra la cartella?»

fce Rosa, scartènnose i duppiuni.

«So’ cento lire – isse la sorella –

ancora téngo ’n ganna i maccaruni.»

E quandu fune tuttu sistematu,

manchéa caccosa: «Chi non ha pagatu?»

 «Paritu, Giusippì, già sta ’mbriacu»

respunnì ju nonno. «Ju so’ vistu éo;

è meglio che taglimo chissu spacu,

pagaci tu, a ’ss’àlema ’e babbèo.»

«Tutti silenzio!», fece Giuannóne,

e ‘ncoménzà a tirà ju cartellone.

 «J’urdimu – isse Rosa, (era novanta) –

eppó vintuno ch’è San Benedetto;

dóppo putite mettè pure ottanta.

E mó ve caccio n’aru nnummaretto.»

Strillane Gino: «Viva ju Padreterno!

Co’ cchigliu che té ’n mani, pe’ mmi è terno!»

 «Quaderna! – strillà ju nonno – co’ ventotto!»

«Ma che furtuna! – isse Giusippina –

éo ju chiamaria bussulotto!»

Basta, già sé éa pe’ la cinquina,

e, mancu a dillo, doppo co’ quaranta

strillà Luisa co’ na voce ‘e santa.

 Dóppo Anna, pigliata da gliu sónno,

ficcà le mani sotto ju taulinu,

’ncagna ’e la mani bianca ’e Pasqualinu,

strignine chélla secca de gliu nonno,

e chistu isse: «Che me ttòcca a fane!

Cacunu, sotto, me sta ssalutane!»

 S’éa pe’ tombola, e nu nnummaretto,

(forse scagnatu pe’ na crosta ’e pane)

si gli era béglio che agliuttitu ju cane.

«Cusì, ammeno», isse Romoletto.

Basta! S’éa ’nanzi a forza de frittégli

ma più che aru vinu a caratégli.

 Tombola lónga… E Filicetto, intantu,

poracciu, areficcà nu nnummaretto.

Co’ nu momento fu nu campusantu!

Fiocchéanu schiaffi e zambatuni ’n pétto.

Sonéa ju campanone ’e mezzanotte

e la famiglia ancora stéa a fa’ a bòtte.

 Cusì chélla serata, tantu bella,

(mannaggia se nne va pure lo vinu…)

finì co’ tre persone alla barella

e co’ ju nonno sotto ju taulinu,

che, co’ lla fresca della scazzottata,

stéa accarezza le cosce alla quinata.

 Ma quandu passa ’stu Santu Natale

te piagne ju core: ci àremàni male!!

I frittégli

 Ju vicuju masséra addora ’e frittu!

È la Viggilia ’e ’n’usanza bella:

pe’ ssu Natale che te vé ariénno,

fa rébbulline l’oglio alla padella.

Lo fegato, se sà, pe’ nna serata

po’ puru sopportà chéssa strizzata.

E dàgli a friggè pe’ chigliu cenone:

pe’ l’accassione tutti so’ fratégli:

spaghetti co’ gliu tonno e capitone

e cento cocorozza de frittégli,

de broccojo, zibbibbu, baccalane

che te fau reléccà finente ju cane.

E doppo ’stì frittégli senza affannu

puru se fatti co’ le mela còtte,

te vau ’ndriussu ’nfinu a Capudannu

e ti gli purti a Messa a mezzanotte.

Cusì, prima che nasce ’lla Cratura,

rémpugna pe’ lle froce la frittura!

 Se doppo ju tempo mette a bruttu o béglio,

conta solo Natale. E arénzunati

s’aspetta che te nasce ju Bambinéglio,

tutti addurmiti e mési ’mbriacati.

Cusì che nu nepote de gli’Arcaru

chiaméa nu nummaretto ’n gagna ’e n’aru.

Doppo allo méglio de chella serata

se nne riscine la commare Gnèsia:

«Co’ ’ssu torone ’e nocchie e cioccolata

e ssi frittégli àru che magnèsia!»

«Naru fiascozzo – isse Luiggiotto –

e de Bambini ne scirnine otto!!»

Mi sento fortunato, caro Gesù, nel farti gli auguri di buon compleanno.

In ogni Natale Tu sei il festeggiato, ma quante volte noi ci appropriamo della festa…

E Ti lasciamo nell’angolo di un vago ricordo senza impegno, senza cuore e senza ospitalità sincera!

Da duemila anni, ad ogni Natale noi ci scambiamo gli auguri perché avvertiamo che la tua Nascita è anche la nostra nascita, la nascita della Speranza, la nascita dell’Amore, la nascita di Dio nella grotta della nostra povertà.

Però – quanto mi dispiace doverlo riconoscere! – il tuo Natale! Il tuo Natale è minacciato da un falso natale, che prepotentemente ci invade e ci insidia e ci narcotizza fino al punto di non vedere più e non sentire più il richiamo del vero Natale: il tuo Natale!

Quante luci riempiono le vie e le vetrine in questo periodo!

Ma la gente sa che la Luce sei Tu? E se interiormente gli uomini restano al buio, a che serve addobbare la notte con variopinte luminarie? Non è una beffa, o Gesù? Non è un tradimento del Natale? Queste domande, caro Gesù, si affollano nel mio cuore e diventano un invito forte alla conversione.

E noi cristiani mandiamo luce con la nostra vita? E le famiglie e le parrocchie assomigliano veramente a Betlemme? Si vede la stella cometa della testimonianza della vita abitata e trasformata dalla Tua Presenza?

Questi interrogativi non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo evitarli se vogliamo vivere un autentico Natale.

Dalle case e dai luoghi di divertimenti, in questi giorni, escono musiche che vorrebbero essere invito alla gioia. Ma di quale gioia si tratta? Gli uomini hanno scambiato il piacere con la gioia: quale mistificazione! Il piacere è il sollecito della carne e, pertanto, sparisce subito e va continuamente e insaziabilmente ripetuto; la gioia, invece, è il fremito dell’anima che giunge a Betlemme e vede Dio e resta affascinata e coinvolta nella festa dell’Amore puro.

Sarà questa la nostra gioia, sarà questo  il nostro Natale? Gesù, come vorrei che fosse così!

Ma c’è un altro pensiero che mi turba e mi fa sentire tanto distante il nostro natale dal tuo Natale. A Natale, o Gesù, Tu non hai fatto il cenone e non hai prenotato una stanza in un lussuoso albergo di una rinomata stazione sciistica. Tu sei nato povero. Tu hai scelto l’umiltà di una grotta e le braccia di Maria (la “poverella” amava chiamarla Francesco d’Assisi, un grande esperto del Natale vero!).

Come sarebbe bello se a Natale, invece di riempire le case di cose inutili, le svuotassimo per condividere con chi non ha, per fare l’esperienza meravigliosa del dono, per vivere il Natale insieme a Te, o Gesù! Questo sarebbe il regalo natalizio!

A questo punto io ti auguro ancora, con tutto il cuore, buon compleanno, Gesù!

Ma ho paura che la tua Festa non sia la nostra festa.

Cambiaci il cuore, o Gesù, affinché noi diventiamo Betlemme e gustiamo la gioia del tuo Natale con Maria, con Giuseppe, con i pastori, con Francesco d’Assisi, con Papa Giovanni, con Maria Teresa di Calcutta e con tante anime che, con il cuore, hanno preso domicilio a Betlemme.

Buon Natale a tutti… ma ora sapete di quale Natale intendo parlare.

 

Card. Angelo Comastri 

 
Liggi la littirína ’e Natàle, o méglio ju sermóne ‘e Natale lettera di Natale
e riflessione sul Natale di Padre Enzo Bianchi Il nostro tempo per gli altri
 

Link dell’ “Ave Maria” (Bach – Gounod) – Noa – Concerto di Natale da Assisi   2010

 

Acúri de còre,

a chi ssa sittimana, sta allettàtu a lla casa séa, o a gliu spitale.

Acúri de còre, a chine a pérzo ju laóro, ma no la speranza.

Acúri de còre, a chi sta súju, ju ggiorno de laóro e chigliu de fèsta;

acúri de còre a chi se recorda di issi almeno a Natàle.

Acúri de còre, a chi pènza co ju cerevéglio séo,

e se sònna e se ha da fa, pe l’addallavéro

pé nu munnu singéru.

Acúri de còre, a chi la notte ‘e Natàle

lassa pèrde tuttu e se lassa aréto a ‘lla ròppa ju rocecaréglio

e va a basàsse, raprènno ju còre séo,

ju Mpampíneglio.

                                                          Fernando Ferzioli (ittu Fefè)
(Auguri di cuore, a chi in questi giorni di festa è malato nella sua casa o in ospedale.
Auguri di cuore, a chi ha perso il lavoro, ma non la speranza.
Auguri di cuore a chi è solo tutti i giorni e anche in quelli della festa;
auguri di cuore, a chi si ricorda di loro almeno il giorno di Natale.
Auguri di cuore, a chi pensa con la propria testa
e sogna e si adopera concretamente per costruire un mondo migliore.
Auguri di cuore, a chi la notte di Natale,
lascia stare tutto e si lascia dietro le spalle i pensieri-problemi
e va a baciare, aprendo il proprio cuore
al bambino Gesù).
 

 Lettera a Gesù Bambino.

Caro Gesù Bambino, anche quest’anno sta arrivando il S. Natale con le luci, il presepe e tanti pacchi sotto l’albero.

So che ora va di moda Babbo Natale, Ma io non essendo piccina scrivo a Te, come una volta….  Vorrei che tu mi portassi un bel berretto colorato pieno zeppo: vorrei, che Tu ci mettessi dentro tutte quelle parole che devo dire nei momenti più difficili, quelle parole di gioia, pace, armonia di cui spesso le persone si dimenticano. Se c’è ancora posto portami una gomma e una matita colorata, per cancellare tutti i momenti brutti e tramutarli in ricordi lieti. Vorrei anche un sacchettino con un po’ di speranza mischiata al giudizio, con la semplicità e un pizzico di fantasia.

Portami un plettro a forma di cuore, delle note colorate ed un pennello, per poter dipingere le mie canzoni più belle, in modo che mi facciano compagnia e mi riscaldino il cuore. Portami una stellina, che mi indichi la Tua strada anche quando il sole si riposa e il sentiero si confonde nell’erba alta e fammi trovare anche degli stracci, perché non mi possa dimenticare chi sono e di che cosa ho veramente bisogno. Portami un bastone, che sia capace di aiutarmi quando il terreno diventa più ripido e anche una corda e dei moschettoni, per potermi legare a chi mi sta davanti e mi conduce e anche a chi mi sta dietro e ha bisogno del mio aiuto.

Portami un paio di occhiali, che mi aiutino a vedere ciò che mi sta davanti e una lente di ingrandimento, per scorgere in ogni piccolo particolare la bellezza dei tuoi doni. Mi piacerebbe avere anche un bel fiore da piantare in giardino, un fiore che resista al freddo, alla pioggia, al vento, al fango ma che sbocci tutti gli anni con i suoi colori e il suo profumo, perché io sono come lui: debole e indifesa anche se non sembrerebbe, ma con il Tuo aiuto posso resistere a qualsiasi avversità.

Infine vorrei che infilassi nell’ultimo buchetto una chiave capace di aprire il cuore di tutti, quel cuore, spesso chiuso in se stesso, ma di cui io voglio ascoltare le lacrime, ridere alle sue fantasticherie, suonare una melodia battendo il piede al suo ritmo e danzare, ad ogni passo, senza mai sentire la stanchezza, sognare e scaldarmi col suo amore.

Infine, caro Gesù, ricordati di tutti bambini del mondo, non far mancare loro una famiglia e falli crescere con tutto l’amore che meritano. Forse ho chiesto troppe cose, ma sono le cose indispensabili per vivere sereni.

Grazie Gesù Bambino…..

Come Giuseppe e Maria, riordiniamo il nostro cuore e facciamo spazio a Gesù bambino.

Come Giuseppe e Maria, riordiniamo il nostro cuore e facciamo spazio a Gesù bambino.

Na n’ténzione:

Facimo scrìe agli réazzitti na littirina a Gesù pupittu!

Giotto Adorazione Magi _ Scrovegni
 

6 Gennaio 2014 – Epifania del Signore

Is 60, 1-6; Sal 71; Ef 3, 2-3a.5-6; Mt 2, 1-12

Oggi in Cristo, luce del mondo, tu hai rivelato ai popoli il mistero della salvezza, e in lui apparso nella nostra carne mortale ci hai rinnovati con la gloria della immortalità divina“. Così le parole del Prefazio che danno il senso della festa dell’Epifania, tutta luce e splendore: Gesù si manifesta come Figlio di Dio e Salvatore di tutti i popoli e, nello stesso tempo, la si manifestano gli effetti della salvezza in quelli che si lasciano rinnovare.

L’Epifania è una doppia irradiazione di luce: quella che si sprigiona irresistibile da Cristo, e quella che si rifrange sul volto della Chiesa, corpo del Signore; quindi anche sul volto dei cristiani. E’ tutto raccontato nella scena dei Magi, che vengono da lontano per adorare il Signore, guidati da una stella, e poi ritornano nel proprio paese, diventando loro stessi annunciatori di quella luce che li aveva avvolti.

“Magi” può significare diverse cose (studiosi, astronomi, sacerdoti di Zaratustra). Si sa solo che vengono da oriente. Eppure c’è un significato in queste scarne notizie: Dio che viene incontro all’uomo, per spingerlo a fare anche lui la ricerca di Dio. Per loro è stata la stella apparsa improvvisamente a metterli in viaggio. Doveva accompagnarli, però, anche una forte illuminazione interiore, se dinanzi a quel neonato, uno come tanti altri, si prostrarono in adorazione e gli offrirono i loro preziosissimi doni.

I magi sono il simbolo di tutti i credenti che seguono la Parola, superando gli ostacoli e le difficoltà della fede, attenti ai suoi segni, a non considerarla un possesso definitivo, ma a ricercarla sempre daccapo. Quelli che la fede sembrano avercela (i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo) non si muovono, non fanno nulla per andare incontro al Messia. La loro fede è inerte, che non suscita e non produce nulla. Erode, addirittura, finge di credere per ottenere vantaggi al suo trono!

I magi tornano al loro paese per un’ altra strada. La vita di questi uomini è convertita e trasformata dall’incontro con il bambino, si è generata in loro una speranza nuova di cui sono testimoni : Dio agisce nella storia degli uomini. Un’agire impensabile, che rende grandi i piccoli e vicini i lontani.

All’epifania, oltre l’angusto recinto di Israele, nasce la Chiesa universale: immersa nella luce di Cristo, diventerà essa stessa luce che illumina il mondo.

Mons Angelo Sceppacerca 6 Gennaio 2013

 

 

 

Frasi per riflettere…

 

 

In Avvento non viviamo solo l’attesa del Natale; veniamo invitati anche a risvegliare l’attesa del ritorno glorioso di Cristo – quando alla fine dei tempi tornerà –, preparandoci all’incontro finale con Lui con scelte coerenti e coraggiose.  Papa Francesco

 

 

*******

La luce di Gesù è una luce umile.

Non è una luce che si impone: è umile.  Papa Francesco

 

***************

 

 

 

Natale significa che cielo e terra si baciano.

Anselm Grün

 

 

 

*****************

 

Questo è un altro augurio per te: che la pace natalizia, che in Gesù viene in questo mondo, possa far risuonare in te ogni nota alta e bassa, forte e sommessa e portarle all’accordo. Allora sarai pure in accordo con tutti gli uomini che ti sono accanto.

Anselm Grün

 

 

 

**********************

Solo l’amore riempie i vuoti, le voragini negative che il male apre nel cuore e nella storia. Solo l’amore può fare questo, e questa è la gioia di Dio! Papa Francesco

 

 

 

 

 

 

Passi da poter fare nella settimana di Natale:

 

«Cinque piccoli passi per festeggiare il Natale ringraziando Gesù che nasce…

1. Tra tutti gli affetti, privilegiamo la nostra famiglia.

«Cosa puoi fare per promuovere la pace nel mondo?

Vai a casa e ama la tua famiglia»(Madre Teresa di Calcutta).

2. Dedichiamo un momento della giornata alla preghiera.
«Noi abbiamo tanto di luce quanto preghiamo, tanto di forza quanto preghiamo, tanto di potenza sull’anima quanto preghiamo.

Con Dio tutto! Senza Dio nulla!»(Beato Giacomo Alberione).

3. Facciamo una buona Confessione ogni mese, non rimandiamo.
«L’umiltà vera porta… a chiedere perdono!»(San Josemaría Escrivá de Balaguer).

4. Nella nostra esistenza affollata di impegni,troviamo del tempo per l’adorazione Eucaristica.
«Se la gente conoscesse il valore dell’Eucaristia, l’accesso alle chiese dovrebbe essere regolato dalla forza pubblica»(Santa Teresa di Lisieux).

5. Impariamo ad apprezzare il valore dell’obbedienza, facendo nostre le parole del Santo Padre.
«Quando si obbedisce non si sbaglia mai, obbedite sempre con gioia»
(Santa Bernadette Soubirous).

 

Il bambino Gesù riempirà il nostro Natale di luce e di bene!

 

A U G U R I

e buon anno nuovo

 

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Procramma – La state a Subbjàcu e ‘ncima pe’ Monte Livata

Subiaco -Agosto 2013 festa della Vergine Maria Assunta in Cielo

Subiaco -Agosto 2013 festa della Vergine Maria Assunta in Cielo

Programma 2019 La state a Subbjàcu
events program/Brochure/programma:

Estate 2019 – Subiaco e Monte Livata (RM)

Cavalli a Monte Livata _ Parco N.

Monte Livata

il faggio

Ju fau (il faggio)

Venite al fresco sotto un faggio!!! (vinite allo friscu sotto a nu fàu!!!)

 

Subiaco un viaggio nella storia dall’imperatore Nerone a Lucrezia Borgia, alla natura incontaminata…

SUBIACO- Attribuito a Joseph Augustus Knip (Olanda 1777–1847)

SUBIACO- Attribuito a Joseph Augustus Knip (Olanda 1777–1847)

.

Lady Blanche Burlington (dama di Compagnia della Regina Vittoria). Subiaco,1838.

Lady Blanche Burlington (dama di Compagnia della Regina Vittoria). Subiaco,1838.

.

SUBIACO- simpatica cartolina con la cappellina del Salvatore.

SUBIACO- simpatica cartolina con la cappellina del Salvatore.

.

SUBIACO- Theodore Rousseau, una vista di Thiers nel Auvergne, 1830.

SUBIACO- Theodore Rousseau, una vista di Thiers nel Auvergne, 1830.

 

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

PREMIO DI POESIA E STORNELLI INEDITI NEI DIALETTI DEL LAZIO

PREMIO DI POESIA E STORNELLI INEDITI NEI DIALETTI DEL LAZIO “VINCENZO SCARPELLINO” NONA EDIZIONE 2019

L’Associazione ‘ L’INCONTRO Associazione Culturale di Tor Tre teste APS ’(via Roberto Lepetit, 86, 00155 Roma) in collaborazione con l’Associazione Periferie,

BANDISCE

 la nona edizione del Premio di poesia e stornelli inediti nei dialetti del Lazio, intitolato al poeta romanesco Vincenzo Scarpellino.

Il concorso consta di tre sezioni:

Sezione A per gli autori che compongono poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio.

Sezione B per gli autori che compongono stornelli inediti in uno dei dialetti del Lazio

Sezione C per poesie e stornelli in uno dei dialetti del Lazio – riservata agli studenti di scuola media superiore della Regione Lazio.

  
 PARTECIPAZIONE   E SCADENZA

 Sezione A poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio

Ogni autore può inviare fino a tre poesie, di massimo 30 versi ciascuna,   inedite (in volume, rivista o altro organo di stampa o di diffusione   telematica) e mai premiate in altre competizioni. Le poesie dovranno essere   accompagnate dalla relativa traduzione in italiano.

 Sezione   B stornelli inediti in uno dei dialetti del Lazio

Ogni autore   dovrà inviare tre poesie in forma di stornello classico (anche detto   ritornello), intendendo con questa tipologia un componimento di soli tre   versi: il primo quinario e gli altri due endecasillabi, dove il quinario è in   rima col terzo verso, ed il secondo è rispetto agli altri due in consonanza e   semiassonanza (uguali solo tutte le consonanti rimiche e la vocale finale).

Sezione C poesie inedite in uno dei dialetti del Lazio (Studenti)

Ogni autore partecipa con 1 poesia di massimo 30 versi, assolutamente   inedita (in volume, rivista o qualsiasi altro organo di stampa o di   diffusione telematica) e mai premiata in altre competizioni.

 

 

È consentita   la partecipazione sia alla Sezione A che alla Sezione B.

La   partecipazione al Premio è gratuita.

Ogni autore dovrà attestare che le opere sono inedite e non già premiate   e sarà responsabile del contenuto dei materiali inviati.

I testi dovranno essere inviati entro il 31 marzo 2019 all’indirizzo di   posta culturalepetit@gmail.com in un unico   file contenente, oltre alle poesie, anche nome, cognome, età, indirizzo,   email, telefono.

I partecipanti devono inviare alla segreteria del Premio, insieme alle   opere, la scheda d’adesione allegata al bando scaricabile dai siti:

www.centroculturalepetit.com o www.poetidelparco.it

Per l’iscrizione non si ammettono pseudonimi, nomi di fantasia o diversi   dalla reale identità dell’autore pena l’invalidazione dell’iscrizione.

In caso di iscrizione da parte di minorenne, la sottoscrizione della   scheda d’adesione dovrà essere controfirmata da chi ne esercita la patria   potestà.

L’organizzazione si riserva la possibilità di prorogare la scadenza per   ragioni organizzative.

La partecipazione al concorso implica la piena accettazione di questo   regolamento e, per i vincitori, la divulgazione del proprio nome, cognome e   premio vinto su qualsiasi pubblicazione.

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile e inappellabile della   giuria.

Qualsiasi comunicazione o variazione ufficiale delle disposizioni del   presente bando sarà pubblicata sui siti: www.centroculturalepetit.it e www.poetidelparco.it.

 

Gli autori,   per il fatto stesso di partecipare al premio, cedono il diritto di   pubblicazione, senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore,   all’interno della pubblicazione che sarà realizzata a cura del Premio.

 

 

 

PROCLAMAZIONE   DEI VINCITORI E PREMI

 

L’Associazione “L’INCONTRO Associazione Culturale di Tor Tre teste APS’”   comunicherà in tempo utile, attraverso i siti www.centroculturalepetit.it e www.poetidelparco.it il luogo, il   giorno e l’ora della cerimonia di premiazione.

I primi 3 classificati delle sezioni A e B e C avranno in premio: coppe e   targhe, libri e la pubblicazione delle loro poesie nel volume antologico   dedicato al Premio Scarpellino 2019, pubblicato da   Edizioni Cofine.

Nello stesso volume sarà pure pubblicata una poesia e uno stornello degli   altri poeti finalisti che riceveranno anche libri e altri riconoscimenti. Tutti i partecipanti riceveranno un Attestato.

 LA GIURIA

La Giuria procederà, a suo insindacabile giudizio, alla selezione per   ogni poeta di una delle poesie o stornello inviati e alla proclamazione dei   vincitori.

La Giuria è composta da: Cosma Siani (critico letterario, docente di   Lingua e Letteratura inglese, Università di Roma “Tor Vergata”, Presidente   della Giuria), Sandro Bari (direttore rivista “Voce Romana”), Paolo D’Achille   (professore ordinario di Linguistica Italiana, Università Roma Tre),   Francesca Dragotto (Università di Tor Vergata); Aurora Fratini (poetessa e   regista), Giorgio Grillo (Presidente della Associazione “L’INCONTRO”),   Vincenzo Luciani (poeta, e studioso della poesia e dei dialetti del Lazio);   Franco Onorati (Centro Studi “G. G. Belli”).

 Per   informazioni rivolgersi al 06.2283794 dalle 17 alle 19,30, escluso mercoledì   e sabato o al 3355788173 oppure ad uno degli indirizzi email:culturalepetit@gmail.comgio0249@gmail.com

Informativa ai   sensi della Legge 675/96 sulla tutela dei dati personali. Il trattamento dei   dati, di cui si garantisce la massima riservatezza, è effettuato   esclusivamente ai fini del concorso cui si partecipa. I dati dei concorrenti   non verranno diffusi o comunicati a terzi a qualsiasi titolo e gli   interessati potranno richiederne gratuitamente la cancellazione o la modifica.

 Il   presidente dell’Associazione L’INCONTRO, Giorgio Grillo

 

 

 

 

 SCHEDA DI ADESIONE IV EDIZIONE PREMIO VINCENZO SCARPELLINO 2019

 

Nome   ………………………….…………………………………………………………………..…………

 

Cognome   …………………………………………………………………………………………………….

 

Nato a   ………………………………………………………………………………. Prov. ……………

 

Data di   nascita .…………………………………………………

 

Indirizzo   …………………………………………………………………………… CAP…………….

 

Città   …………………………………………………………………………………………   Prov. ……………

 

Telefono …………………………………….   Fax ………………………..………………..

 

E-Mail   ………………………………………………………………………………………………….

 

Tutti i campi   sono obbligatori

I partecipanti   autorizzano l’utilizzo dei dati personali così come previsto dal Dlgs 196/03.   L’organizzazione informa inoltre i partecipanti che, sempre in ottemperanza   di quanto previsto dal DLgs 196/03, i loro dati saranno utilizzati ai soli   fini promozionali e che in qualsiasi momento potranno richiederne   l’aggiornamento e/o la cancellazione.

 

……………………………………………………………………………………….……………………….

 

 

in caso di   minore, dati anagrafici completi da parte di chi ne esercita la patria   potestà.

 

Nome   ………………………….…………………………………………………………………..…………

 Cognome …………………………………………………………………………………………………….

 Nato a ………………………………………………………………………………. Prov. ………………..

 Data di nascita .…………………………………………………

Indirizzo   …………………………………………………………………………… CAP………………….

 Città   …………………………………………………………………………………………   Prov. ………………

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Jettimo ju bannu…pe cchine ju teréno ju laora

PSR FEASR, Aiuti all’avviamento aziendale per giovani agricoltori – seconda raccolta domande di sostegno (2018)

vedi link

Tenna della Marina 2013

Tenna della Marina 2013- Subiaco

PSR FEASR, Aiuti all’avviamento aziendale per giovani agricoltori – seconda raccolta domande di sostegno (2018)

Favorire il ricambio generazionale nella gestione delle imprese agricole, agevolando l’accesso al capitale fondiario da parte dei giovani agricoltori, incentivando i processi di ricomposizione fondiaria e promuovendo tecniche innovative per la produzione agricola.

Sono questi gli obiettivi dell’avviso pubblico PSR FEASR 2014-200  – Misura 06 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese” – Sottomisura 6.1 “Aiuti all’avviamento aziendale per i giovani agricoltori” – Tipologia di Operazione 6.1.1 “Aiuti all’avviamento aziendale per giovani” agricoltori che, per la seconda raccolta delle domande di sostegno 2018, stanzia complessivamente 21 milioni di euro.

Beneficiari dell’avviso pubblico sono i giovani agricoltori di età tra 18 e 40 anni al momento della presentazione della domanda di sostegno – il requisito previsto dal bando “età non superiore a quaranta anni” consente l’ammissibilità fino al giorno precedente il compimento del quarantunesimo anno di età – che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola di adeguate dimensioni economiche, in possesso di una propria posizione fiscale e previdenziale e di adeguate qualifiche e competenze professionali.

I giovani agricoltori possono insediarsi come titolari di un’impresa individuale o in una società agricola (di persone, capitali o cooperativa), di nuova costituzione.

L’insediamento è limitato ai giovani agricoltori che si insediano in micro e piccole imprese come definite dalla Racc. 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003 (GU n. L 124 del 20 maggio 2003).

L’insediamento si intende perfezionato qualora il giovane si è “insediato come capo dell’azienda” dopo averne acquisito la disponibilità, aver aperto la partita IVA in campo agricolo, essersi iscritto alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato (codice ATECO 01) ed aver, infine, ultimato la procedura per la regolarizzazione della posizione previdenziale (INPS) ottenendo l’iscrizione definitiva.

Per data di primo insediamento si intende la data di iscrizione alla Camera di Commercio (CCIAA), che deve essere effettuata prima della presentazione della domanda di sostegno e, comunque, non prima dei 12 (dodici) mesi antecedenti alla pubblicazione del presente bando pubblico sia per l’impresa individuale che per le società.

Il sostegno concesso per l’insediamento è di 70.000 euro.

L’aiuto sarà corrisposto obbligatoriamente in due rate, di cui la prima rappresenta il 70% e la seconda il restante 30% dell’importo del premio.

Le domande di sostegno devono essere presentate entro il 25 febbraio 2019 ed effettuate esclusivamente mediante apposita procedura informatica, accessibile via Internet, utilizzando le funzionalità on-line messe a disposizione dall’Organismo Pagatore (AGEA) collegandosi al portale SIAN al seguente indirizzo: http://www.sian.it, accedendo all’area riservata, previa registrazione e secondo le modalità definite nell’apposito Manuale Utente, predisposto dallo stesso SIAN, e pubblicato su questo sito nella sezione PSR FEASR - Sistema Informativo.

Per richiedere le credenziali di accesso all’applicativo per la presentazione delle domande di sostegno è necessario compilare l’apposito modulo di richiesta disponibile su questo sito, convertirlo in PDF e firmarlo digitalmente. Il file firmato digitalmente dovrà essere trasmesso via PEC all’indirizzo agricoltura@regione.lazio.legalmail.it.

 

Documentazione di riferimento

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Vaccinu pe ‘lla nfluènza è gratisse pe cchi dona sàncue!!!

L’Associazione Donatori Volontari Sangue
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
(ADVS  OPBG)

Tel: ++39-06-68594784
E-mail: advs@opbg.net
Web: www.advsopbg.com

comunica che :

Buongiorno a tutti,

informiamo che fino al 31 dicembre 2018 i donatori possono aderire gratuitamente alla campagna vaccinale antinfluenzale 2018/19.

Il donatore interessato dovrà recarsi dal proprio Medico di Famiglia presentando un’attestazione di una donazione effettuata negli ultimi 2 anni.

(a pag. 2 del DCA357/2018 si specifica: ”

…m) donatori di sangue.

Avvertenza 1: con riferimento alla nuova categoria dei donatori di sangue, si precisa che il soggetto eleggibile per l’effettuazione della vaccinazione antinfluenzale (di età compresa tra i 18 e 64 anni), ai fini del proprio riconoscimento, dovrà esibire, in alternativa, o il tesserino di donatore o l’attestato di avvenuta donazione di data non anteriore a due anni.

In allegato la locandina con tutti i dettagli.

Per le raccolte già effettuate, i donatori che fossero interessati a vaccinarsi ma non fossero in possesso del certificato di donazione, potranno contattarci e gli forniremo un’attestazione della donazione.

Grazie a tutti per la collaborazione.

 

locandina ADVS vaccino antinfluenzale 2018

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Novità: Dona Plasma e Piastrine in AFERESI al B. Gesù

aferesi

Aferesi presso b. Gesù 2018

(con servizio pulmino da Subiaco A/R)

9 luglio: 4 donatori

20 agosto: 5 donatori

8 ottobre: 4 donatori

30 ottobre: 4 donatori

21 novembre 3 donatori

Gruppo Donatori Volontari SUBIACO

Associazione Donatori sangue Ospedale Bambino Gesù di Roma

http://advsopbg.com

 

(vedi il video sull’Aferesi)

 

 per contatti: nando.ferzioli@libero.it

 

 

 

Lunedì 9 luglio 2018, prima giornata di donazione in AFERESI organizzata con un pulmino da Subiaco e ritorno (dal centro trasfusionale del B. Gesù).

donazione in AFERESI (PLASMA E PIASTRINE)  Ospedale B. Gesù di Roma Centro Trasfusionale- Gruppo donatori sangue Subiaco (parrocchia S. Andrea apostolo)-9 luglio 2018
donazione in AFERESI (PLASMA E PIASTRINE)
Ospedale B. Gesù di Roma
Centro Trasfusionale- Gruppo donatori sangue Subiaco (parrocchia S. Andrea apostolo)-9 luglio 2018

.

fabio orlandi aferesi 9-7-2018 b. Gesù.

donazione in AFERESI (PLASMA E PIASTRINE)  Ospedale B. Gesù di Roma Centro Trasfusionale- Gruppo donatori sangue Subiaco (parrocchia S. Andrea apostolo)-9 luglio 2018
donazione in AFERESI (PLASMA E PIASTRINE)
Ospedale B. Gesù di Roma
Centro Trasfusionale- Gruppo donatori sangue Subiaco (parrocchia S. Andrea apostolo)-9 luglio 2018
Donazione in aferesi lunedì 20 agosto 2018
Caterina damiani e Lucia Petrini 20-8-2018 aferesi
stefano alivernini 20-8-2018
Giulia Lattanzi 20 agosto 2018
Germamna Quasi 20-8-2018 aferesi
Caterina Damiani 20-8-2018 aferesi
Sei interessato a donare plasma e piastrine per i piccoli pazienti del B. Gesù?
Vieni a Piazza Sant’Andrea domenica 2 settembre dalle 8,00 alle 11,30 e chiedi informazioni durante la giornata  di donazione sangue:
Questionario Vuoi donare in aferesi 2

 

donazione in AFERESI (plasma e piastrine)
donazione in AFERESI (plasma e piastrine)

 

Per esempio i donatori con gruppo AB è il più raro e per quanto riguarda la donazione di plasma e piastrine risultano compatibili con tutti i gruppi sanguigni.

Vedi la scheda informativa sottostante e ti aspettiamo al Bambin Gesù per donare in Aferesi (plasma e piastrine):

Donatori di gruppo AB (preziosissimi per AFERESI)

 

Come contattare l’ADVS O.P.B.G. per info e prendere appuntamento per donare in aferesi:

Il telefono dell’Associazione è 06.68594784 l’email è: advs@opbg.net

siamo anche su Twitter @ADVSOPBG

L’ADVS OPBG ha sede presso l’ospedale pediatrico Bambino Gesù, al Gianicolo, salita S. Onofrio 5.

 

cosa posso mangiare prima della donazione...
cosa posso mangiare prima della donazione…

 

articoli nutrizione, cosa possiamo mangiare, pre e post donazione di sangue?

Colazione donatori Sangue

 

Invito a donare gruppo aferesi Subiaco

Foto aferesi Subiaco

Grazie di cuore a tutti,

Fernando Ferzioli

Posted in Uncategorized | Leave a comment

W la Madre nostra santissima, Assunta ncèlo

 

Carissimi,
buona festa dell’Assunta in cielo, della nostra Madre Santissima.

La prassi ci fa dire “buon ferragosto”… (…deriva dalla locuzione latina feriae Augusti (riposo di Augusto) indicante una festività istituita dall’imperatore Augusto nel 18 a.C. che si aggiungeva alle esistenti e antichissime festività cadenti nello stesso mese, come i Vinalia rustica, i Nemoralia o i Consualia, ) ma la vera festa è dell’Assunta, in cielo, la Madre di Dio, Maria Santissima.

Che preghi per noi peccatori, che invochiamo la misericordia di Dio.

 

Ju moménto che s’aggria la missiricòrdia, (invocare la“misericordia” il 14 e il 16 agosto all’Inchinata-).

 

L’Assunta

 Quandu che la viggilia dell’Assunta,

’n cima alla Valle régna la concordia

e alla sallita ju Sarvatore spunta,

la gente aggria la «MISSIRICORDIA!»

E, mentre che la pelle te s’aggriccia,

Cutturu già sta pronto co’ la miccia!

Po’ tutti ’nzunu: spari, aggrii e trombe!

S’azzanu ’n céo passari e corvèlle,

ma più che aru tonanu le bombe

e sotto có cucummaru e ciammelle.

Pe’ chella notte, po’, ju Sarvatore

rentro alla chiesa è gli’ospite d’onore!

Iu giorno apprésso parte dalla Valle,

sfilènno pe’ la via della Missione;

réèccutigliu béglio accapabballe,

tra du filari acculimi ’e persone.

E s’araggria ’n piazza e se respara,

mentre arésona na marcetta e l’àra.

Achille Pannunzi (da Na rattuttaglia ‘e vérsi)

Che la Madonna ‘e l’Assunta e gliu Sarvatore ci benetícanu a tutti.

Fernando Ferzioli

 

BUONA FESTA DELL’ASSUNTA

Pregate per me,
Fernando

Cosa si festeggia in questa solennità?
L’Immacolata Vergine la quale, preservata immune da ogni colpa originale, finito il
corso della sua vita, fu assunta, cioè accolta, alla celeste gloria in anima e corpo e
dal Signore esaltata quale regina dell’universo, perché fosse più pienamente
conforme al Figlio suo, Signore dei dominanti e vincitore del peccato e della
morte. (Conc. Vat. II, Lumen gentium, 59).
La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste
e segno di consolazione e di sicura speranza per la chiesa pellegrina. Questo
perché l’Assunzione di Maria è un’anticipazione della resurrezione della
carne, che per tutti gli altri uomini avverrà soltanto alla fine dei tempi, con il
Giudizio universale. È una solennità che, corrispondendo al natalis (morte)
degli altri santi, è considerata la festa principale della Vergine.
Il 15 agosto ricorda con probabilità la dedicazione di una grande chiesa a Maria in
Gerusalemme.
Qual è la differenza tra “assunzione” e “dormizione”?
La differenza principale tra Dormizione e Assunzione è che la seconda non…..
Per approfondire

 

L’ASSUNZIONE AL
CIELO IN ANIMA E
CORPO
DELLA VERGINE MARIA
NELLA SCUOLA
FRANCESCANA
Giovanni Lauriola ofm

Premessa
Quando si parla di Maria c’è spesso
la tendenza all’esagerazione o al
pietismo (degenerazione della pietà).
Il concilio Vaticano II ha fatto un
richiamo a evitare esagerazioni: «Il
concilio esorta caldamente i teologi e
i predicatori della parola divina ad
astenersi con ogni cura da qualunque
falsa esagerazione, come pure dalla
grettezza di mente, nel considerare la
singolare dignità della Madre di Dio»
(L G n. 67).
Parlare della Madonna è la cosa più
bella e più cara per un cristiano e in
particolar modo per un francescano.
Al semplice nominarla il cuore si apre
alla….
continua

 

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Agli ventisètte (27) de màggiu – fèsta ‘e lla Tirnitàne

(il 27 maggio, festa della SS. Trinità)

Affresco delle Tre Persone nel Santuario di Vallepietra (RM)

VITI puru:

http://www.subbjacumeo.it/chjesie-monasteri-villa-e-nerone/diuzione-preghiera/

 

La SS. Tirnità[1][1]

 

La fèsta ‘e lla Tirnità,

commenzà alla cchjésia ‘e Santu Andrea de Subbjàcu,

a lle cincüe ‘e lla mmatína ci sta la funzió co la binitizióne.

Tutti nzunu,  se va appèie ncima a Montore[1][2]

addó se parte co gl’atobbússe pe j’Autore[1][3].

Ariati a lle Vedute[1][4] te sse rapre nu munnu, che te fa refiàtà ju còre.

I núili, te recordanu ju paratísu

e te sinti che sta i mpillicrinàggiu e pirdi pisu.

Nzunu a lla statuetta ‘e lla Tirnità, co zi prète che preca pe lla scésa

e tra nu cantu a lle Tre Pérson Divine, na  coróna e na stòccia,

te retrui agliu santuariu e Vallepréta.

Cuminzi a sintì j’addóre ‘e lle cannele, le compagnie ‘e j’ari paísi,

che stau accotàti e cantanu “viva viva, sèmpe viva, la Santissima,… Tirnità…”,

te sse strégne ju còre. Te mitti accodatu a issi e aspitti ore,

co tanta féte, prichi e spiri,

 che cuàndu recali nzinucchjúni a cuju arèto,

 te repurti ncorpo, tuttu j’amore che chella diuzió ‘e lla Tirnità ta lassatu.

La fatica se nna ita tutta cuanta e la féte, te fa ripiglià.

Finitu de fa la diuzióne[1][5]ci stà la messa, se fa nu giru pe ju mercàtu,

se va a cercà ju posto pe trascóre la nòtte rentro a nu saccu a píju,

macàra sotto nu fau pe lla màcchja[1][6].

La doméneca mmatína a lle cincüe, quantu t’arizzi, sdirinàtu,

 ci sta già ju piantu ‘e lle zitèlle[1][7] che te ha ju bongiórno

e dóppose s’areparte co ju zàinu n’cóglio,

 resallènno ncima pe gli Scarparegli[1][8]

e arengraziènno la Tirnità, pe chéllo che gni giórno c’ha dunàtu.

Ce s’aretroa tutti nzunu, denànzi la chjsiòla ‘e Monte Livata,

a mesojórno zi prete ice messa e doppoprànzu,

 se reparte verso le trénee se pènza “se Dio vò, ci retruimo écchi ncima chist’ar’atr’annu”.

Fernando Ferzioli ittu Fefè



[1][1]Tirnità= Santissima Trinità

[2][2] Montore= località Montore (parte alta di Subiaco)

[3][3] Autore= Monte Autore (Monte posto alla fine della strada carrabile dopo Monte Livata e Campo dell’Osso)

[4][4]Le Vedute=Le cosiddette “Vedute” (panoramica) ai piedi del Monte Autore, qui parte il sentiero in discesa per andare al santuario della SS. Trinità a Vallepietra (RM), percorso dai fedeli ogni anno;

[5][5]diuzióne= preghiera

[6][6] màcchja =bosco

[7][7] piantu e lle zitèlle= laude sacra composta all’inizio del 1700, rappresentata e cantata dalle “Zitelle” sul piazzale del Santuario la mattina della festa SS. Trinità…

8[8] Scarparegli= una zona (tratto) scorciatoia, sentiero molto faticoso a ridosso del Santuario della SS. Trinità.

 

 

 La Trinità

L’imperatore Costantino, chiese al papa San Silvestro spiegazioni riguardo al mistero della Santissima Trinità. San Silvestro, non fece ricorso a parole dotte ma, con una semplice ed efficace immagine, diede all’imperatore un’idea di quel sublime mistero. il Santo prese il proprio mantello e lo piegò in tre parti uguali e ben lontane l’una dall’altra, dicendo: «Stoffa è la prima piega, stoffa la seconda e stoffa la terza: tre pieghe ma una stoffa sola. Così si può affermare, con una vaga rassomiglianza, che avvenga in Dio Uno e Trino. Dunque non è assurdo credervi».

 

San Patrizio, invece, spiegava tale mistero agli umili contadini dell’Irlanda, servendosi dì un trifoglio: tre foglioline uguali che formano una sola foglia, che parte da un solo gambo.

 

“O dolce vita nella Trinità, tutta luce, tutta amore!… Vicino ai Tre alzo la mia tenda, sono piccola, poco ingombrante… Seguendo dovunque il mistico Agnello, canteremo con lui il dolce cantico, contemplando il fulgore senza fine della beata ed eterna Trinità” (Beata Elisabetta della Trinità).

Preghiere alla Santissima Trinità

ALLA SS. TRINITÀ

Accetta, o SS. Trinità, questo sacrificio compiuto una volta sul Calvario; e che ora Gesù Cristo ti rinnova su quest’altare per mano del tuo Sacerdote.

 

Io mi unisco alle intenzioni di Gesù Cristo, sacerdote e vittima, perché sia consumato a tua gloria e per la salvezza di tutti gli uomini.

 

Intendo per Gesù Cristo, con Gesù Cristo ed in Gesù Cristo di adorare la tua Maestà eterna; ringraziare la tua bontà immensa; soddisfare la tua giustizia offesa; e supplicare la tua misericordia per la Chiesa, per i miei cari, e per me: spe-cialmente per ottenere…

(si ricorda la grazia e il proposito).

Mediterò le verità che Gesù Cristo m’insegna; passerò per questa via onde possa arrivare a Te; mi unirò a Lui per vivere di amore ogni giorno della mia esistenza.

Amen                                                                  Beato Giacomo Alberione

 

Alla Ss.ma Trinità

O Trinità divina, Padre, Figlio e Spirito Santo, presente e operante nella Chiesa e nella profondità della mia anima, io ti adoro, ti ringrazio, ti amo! E, per le mani di Maria santissima, madre mia, offro, dono e consacro a te tutto me stesso, per la vita e per l’eternità.

A te, Padre celeste, mi offro, dono e consacro come figlio.

A te, Gesù Maestro, mi offro, dono e consacro come fratello e discepolo.

A te, Spirito Santo, mi offro, dono e consacro come «tempio vivo», per essere consacrato e santificato.

O Maria, madre della Chiesa e madre mia, che vivi alla presenza della divina Trinità, insegnami a vivere, per mezzo della liturgia, in intima comunione con le tre divine Persone, affinché tutta la mia vita sia un «gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo». Amen.                                                        Beato Giacomo Alberione

 

 

CONSACRAZIONE ALLA SS. TRINITÀ

O Trinità divina, Padre, Figlio e Spirito Santo, presente e operante nella Chiesa e nella profondità della mia anima,  io ti adoro, ti ringrazio, ti amo!

E per le mani di Maria santissima Madre mia,

a te offro, dono, consacro tutto me stesso, per la vita e per l’eternità.

A te, Padre celeste, mi offro, dono e consacro come fi-glio.

A te, Gesù Maestro, mi offro, dono e consacro come fratello e discepolo.

A te, Spirito Santo, mi offro, dono e consacro come “tempio vivo” per essere consacrato e santificato.

O Maria, Madre della Chiesa e Madre mia, tu che sei nella Trinità divina, insegnami a vivere, per mezzo della liturgia e dei sacramenti, in comunione sempre più intima con le tre divine Persone, affinché tutta la mia vita sia un «gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo».

Amen.                                                                 Beato Giacomo Alberione

ELEVAZIONE ALLA SS. TRINITA’

Mio Dio, Trinità che adoro,

aiutatemi a dimenticarmi interamente,

per fissarmi in voi, immobile e quieta come se la mia anima fosse già nell’eternità;

che nulla possa turbare la mia pace o farmi uscire da voi, mio immutabile Bene,

ma che ogni istante mi porti più addentro nella profondità del vostro mistero.

Pacificate la mia anima,

fatene il vostro cielo, la vostra dimora preferita e il luogo del riposo;

che io non vi lasci mai solo, ma sia là tutta quanta, tutta desta nella mia fede,

tutta in adorazione, tutta abbandonata alla vostra azione creatrice.

O mio amato Cristo, crocifisso per amore,

vorrei essere una sposa del vostro Cuore;

vorrei coprirvi di gloria e vi chiedo di rivestirmi di Voi stesso,

di immedesimare la mia anima con tutti i movimenti della vostra Anima,

di sommergermi, d’invadermi, di sostituirvi a me,

affinché la mia vita non sia che un’irradiazione della vostra vita.

Venite nella mia anima come Adoratore, come Riparatore e come Salvatore.

O Verbo Eterno, Parola del mio Dio, voglio passare la mia vita ad ascoltarvi;

voglio farmi tutta docilità per imparare tutto da voi.

Poi, attraverso tutte le notti, tutti i vuoti, tutte le impotenze,

voglio fissare sempre Voi e restare sotto la vostra grande luce.

O mio Astro amato,

incantatemi, perché non possa più uscire dallo splendore dei vostri raggi.

O Fuoco consumatore, Spirito d’amore,

scendete sopra di me,

affinché si faccia della mia anima come un’incarnazione del Verbo,

ed io sia per Lui un’aggiunta d’umanità nella quale Egli rinnovi tutto il suo mistero.

 

E Voi, o Padre,

chinatevi sulla vostra piccola creatura,

copritela con la vostra ombra, e non guardate in lei che il Diletto

nel quale avete riposto tutte le vostre compiacenze.

 

O miei TRE, mio Tutto,

mia Beatitudine, Solitudine infinita, Immensità in cui mi perdo,

mi consegno a Voi come una preda.

Seppellitevi in me, perché io mi seppellisca in Voi,

in attesa di venite a contemplare, nella vostra luce,

l’abisso delle vostre grandezze.

Beata Elisabetta della Trinità (1880-1906)

 

 

Inno alla SS Trinità

Ave o eterno sovrano, Dio vivente, che esisti dall’eternità! Giudice tremendo e giusto, Padre sempre buono e misericordioso! A te sia resa nuova ed eterna supplica, lode, onore e gloria, per mezzo della tua Figlia vestita di sole, nostra ammirabile Madre! Amen. “Tu grande Mediatrice di grazie, – “Prega per noi”!

 

Ave, o Uomo – Dio immolato Agnello sanguinante, Re della pace, Albero della vita, tu nostro Capo, porta di ingresso al Cuore del Padre, Figlio eterno del Dio vivente, che con Colui che è, regni in eterno! A te sia data potenza, ora e nei secoli, e gloria e grandezza, e adorazione e riparazione e lode, Per mezzo della tua immacolata Genitrice, nostra ammirabile Madre! Amen. “Tu, fedele Mediatrice di grazie, – “Prega per noi!”

 

Ave, o Spirito dell’Eterno, sorgente inesauribile di santità, operante in Dio dall’eternità! Torrente del fuoco dal Padre al Figlio, Uragano impetuoso, che spiri forza, luce e fuoco nelle membra del Corpo mistico! Tu eterno incendio d’amore, Spirito di Dio che operi nei viventi, tu rosso torrente di fuoco che scorri eternamente vivo nei mortali, a te sia data gloria, potenza e bellezza ora e in tutta l’eternità per mezzo della Tua Sposa coronata di stelle, nostra ammirabile Madre! Amen. “Tu, Mediatrice di tutte le grazie: “Prega per noi”

 

 

Per la gioia di vivere

Signore, Padre buono,

aiutaci a non dimenticare

che ogni giorno è un tuo dono:

fa’ che non ci stanchiamo mai di vivere

con questa gioiosa consapevolezza

per trasformare ogni attimo della nostra esistenza

in un incontro della nostra povertà

con la tua infinita grandezza.

 

Signore Gesù, Unigenito del Padre,

abita nei nostri cuori,

perché siamo capaci di sentire

in tutto il nostro essere

la commozione di essere figli,

fratelli e sorelle in te, l’Amato del Padre,

e l’emozione di poterti chiamare “Gesù”,

nostro Salvatore.

 

Signore, Spirito del Padre e del Figlio.

Fa’ che non ci dimentichiamo mai che, per noi,

la gioia non è una trascurabile suppellettile,

ma il dono ineliminabile del tuo essere con noi

e l’indice vivo della tua presenza.

 

Trinità adorabile, donaci l’umiltà

per aprirci allo stupore delle piccole cose

dentro cui ti sveli come forza dell’umile amore,

e per ripeterti ogni giorno

la nostra lode riconoscente.

Amen                                                                                  Carlo Rocchetta

Ti affidiamo ogni nostra sofferenza

Padre della vita,

che con infinito amore

guardi e custodisci coloro che hai creato,

ti ringraziamo per tutti i tuoi doni.

Ascoltaci quando ti invochiamo.

sostienici quando vacilliamo,

perdona ogni nostro peccato.

 

Signore Gesù, Salvatore del mondo,

che hai preso su di te

i pesi e i dolori dell’umanità,

ti affidiamo ogni nostra sofferenza.

Quando non siamo compresi, consolaci,

nell’inquietudine donaci la pace,

se siamo considerati ultimi, tu rendici primi.

 

Spirito Santo,

consolatore degli afflitti

e forza di coloro che sono nella debolezza,

ti imploriamo: scendi su di noi.

Con il tuo conforto, il pellegrinaggio della nostra vita

sia un cammino di speranza

verso l’eternità beata del tuo Regno.

Amen.                                                                    Card. Dionigi Tettamanzi

 

 

“Le perfezioni divine, che si irradiano dall’inesprimibile vita della Santissima Trinità, si diffondono nell’universo in innumerevoli riflessi, come l’eco”

(San Massimiliano M. Kolbe).

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Subiaco nei dipinti (ottocento)

Subiaco 25-11-1893 Via della Montagna Subiaco

.

Subiaco Edward Lear 1812-1888

.

the metropolitan museum of art Subiaco Attributed to Alexandre Hyacinthe Dunouy French Paris 1757-1841

 

Gustaf Wilhelm Palm Blick auf Subiaco 1884

.

.

costume di Subiaco- 1835 – Filippo Ferrrari 1819-1897

.

litografia Benoist 1870

Convent at Subiaco 1827-29 -Léon Fleury – Oil on paper- The Metropolitan Museum of Art

 .

The Anien River at Subiaco 1820- André Giroux- Oil on Paper – The Metropolitan Museum of Art

.

Anton-Joseph-koch-Subiaco

.

Pope Gregory XVI visiting the Church of San Benedetto at Subiaco – 1843 Jean-Francois Montessuy -The Metropolitan Museum of Art

.

Ernst Fries Italian countryside at Subiaco – Italienische-Landschaft-bei-Subiaco

subiaco Copper etching by Prof. Hammer after von Kühne, ca 1835.

subiaco Copper etching by Prof. Hammer after von Kühne, ca 1835.

Lithograph in very nice recent coloring. After a drawing by W. Gail. Ca 1850 Subiaco

 

Subiaco San Benedetto e Santa Scolastica – Wood engraving after M. Zeno Diemer, ca 1890

Carosi Alberto -1891-1967-lavandaie a Subiaco -olio su tavola

 

Giovanni Antonio Bazzi detto Il Sodoma, 1477-1549. Abbazia di Monte Oliveto Maggiore. Benedetto riceve l’abito monastico dal monaco Romano.

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Infiorata -giorno del Corpus Domini- a Subiaco (nfjoràta a Subbjàcu)

Nfioràta a Subbjàcu 8 18-6-2017

Nfjoràta a Subbjàcu 8 18-6-2017

 

Nfioràta a Subbjàcu-  18-6-2017

Nfjoràta a Subbjàcu- 18-6-2017

Béglio stu paese méo che fa le cose…

Corpus Domini a Subiaco

Corpus Domini a Subiaco (18 giugno 2017) Agli diciòtto e ngeràsaru  2017

Bèlla ggènte a laóro…

Nfioràta a Subbjàcu-4--- 18-6-2017

…addó la ggènte nzinucchiuni, -che s’arizza la mmatina alle tréne…- laóra pe ju ggiórno e ju Corpus Dòmmini.

Nu gelacòre pellàddavero!

E  basta sèmpe co sse critiche de mmèrda…(‘ngenerale); imoci tutti da fàne, arefunnimoci le maniche, abbassimo ju capu e ulimoci bè.

W Ggésù Cristu Sacraméntatu

Subbjaccàni a laoro:

Nfioràta a Subbjàcu- Piazza S Andrea 18-6-2017

Nfjoràta a Subbjàcu- 18-6-2017

pòsso ice béglio Subbjàcu méo.

Nfioràta a Subbjàcu- Piazza S Andrea 18-6-2017

Nfjoràta a Subbjàcu- Piazza Sant’Andrea 18-6-2017 (Subiaco infiorata)

Nfioràta a Subbjàcu 7--- 18-6-2017

Nfjoràta a Subbjàcu 18-6-2017

Video 18 giugno

vedi facebook

 Agl’annu pròssimo.

Se ‘DDio òne…

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ju teremoto

Ju teremòto

 

Chélla nòtte la fifa è stata ranne.

Le ssédie, ju létto, tuttu tréttéchéa;

la gènte pe’ la via che strilléa:

chi éa vistitu e chi co’ lle mutanne.

Ma po’ penzà: «Me nne révaglio a letto…

Che ci só fattu éo a San Benedetto?»

 

M’affàtto alla finestra e che scirnine?

Da Piazza a gli’Arcu ’nfinu ’n Préstécata,

tanti fucuni ’e gente ’nzinocchiata,

che se raccommannéa pe’ no’ murine.

Tra gli Rosari, l’urla e gli lamenti,

paréa Subbiacu ’e gli bombardamenti.

 

Sindì aggrià da réntro a na cantina:

«So’ fattu tantu pe’ sarvà ’sa ótte;

ma mó la tera essi me ss’agliótte;

beatu chi arévede la matina!

Essi ci à da che ffà chigli’aguzzinu,

ch’à missu ju Santu sopre ju camiuncinu.»

 

Ju giorno apprésso, tutti a réngraziane:

(più de cacunu se séntéa rèo)

e, a corpo scióto, ’n cima a gliu Taléo

chélle corone le facéa rufiane…

«A chigli lòco – isse nu devòto –

mica ci abbasta méso téremòto!!»

                                        Achille Pannunzi (Subbjàcu ’e n’òta)

Ferma o rupe, non danneggiare i figli miei - San Benedetto Subiaco (RM)

Ferma o rupe, non danneggiare i figli miei – San Benedetto – Subiaco (RM)

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ju vérno ’ndigna.

Ju vérno ’ndigna

’Gliu gnignu ’e sole

che s’araffattatu,

doppo nu giorno

che chigli’aquilone

à scupirchiatu i titti,

e pe’ llo friddu

ju pinziunatu

non s’arivistu

pe’ gliu muru ’e piazza:

ha récagnatu ju munnu!

Simo ariati a’ tempi della mèrla

e peddéreto vè la Cannélora;

ma ju vérno ’ndigna

e no’ ne stimo fòra!!!

                                    Achille Pannunzi

Ju vérno

 Èsso, ju vérno sta alle porte.

Issu porta ju tempo ’nfame:

na montagna ’e foglie morte,

tantu friddu e tanta fame.

È gliu témpo della frèje.

Se restrégnanu le léna.

La montagna sprèscia neje,

vène ’nanzi e non se frena.

Più gliu vidi e più s’allónga,

non te guarda ma t’arigna.

S’ha seccata già la prónga:

«Te fa pena!», fa la vigna.

Scuppia ju ciocco a gliu camminu.

Arebbólle la pignata.

Acchiaratu s’ha lo vinu,

la castagna ha già cascata.

Areporta péschio e vento.

Nonn’è béglio ma è sincéro;

rencomenza ju turbamento,

piagne ju pórcio rentro ju stéro.

Ma alla fine vénce ju munnu

che cammina sempre rittu,

comme ha fattu co gli’autunnu

che ha passatu zittu zittu.

E cusì la gente spera

co’ gliu tempo che s’avanza

e s’aspetta primavera

e renasce la speranza. 

                                      Achille Pannunzi

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Subiaco- Monte Livata la montagna di Roma capitale

sciare a SUBIACO

Sciare a Subiaco – Provincia di Roma- Monte Livata, la Montagna di Roma Capitale. Si corre anche il trail dei Monti Simbruini.

 

info dal sito del caro Maurizio Orzella, su Monte Livata

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Otturu, ju mése ‘ell’ua.

nzunu a vilignà (insieme a vendemmiare)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Otturu, ju mése ‘ell’ua.

De ssi témpi chi tè la vigna,

prèca ju Sarvatore

che ne faccia riscì na spèra ‘e sole.

Adda comm’è béglio renzunà la famìglia e gli amici attórno agli filari

a ràccoglie zicchjétti o canéstre de rampazzi nzunu aglj ari.

Ha vòglià a raccontà sturièlle, frégnacce e aru,

chi fischja e chi ntòna nu cantu,

chi assaggia ca acinu ‘e ua,

chi azzarda l’annata, se ha ita bè o ha stata desgràzziata.

Tutti se rénzunanu a fine filaru pe reimpì i biunzi,

addó roscia, addó bjanca o rósciòla,

è na fèsta che t’areconzóla.

…Cómpà… cacunu me strillane da lóntanu,

si lassatu più de ca razzaccaru pe ssi capiti attaccàtu!

…stacci pjù attènte, si capitu!?…

Eo ci réspose, che l’èra fattu appòsta,

mmòdo che ssu vèrno, quandu me-nne recordo, e mme nne tène,

passo pe ssi filari e me rémagno,

chello che ha remasu annascusu a fine annu.

Ju ritu de preparà la ótte póne,

ha comenzatu ca sittimana annanzi,

tra strécacci réntro sale, acqua santa e stràcci,

refonnalla co cemento, mmàstice o aru

chello lo sa solo santu “Fjascaru”.

Finitu de vilignà se coménza a macénà l’ua

e gliu mustu se jóvéta réntro alla ótte o a gliu biunzu,

a secundu se lu vinu, unu, lo òne tosto, dorge o dilicatu,

ju sécreto pe fallo bbóno è degliu cantinéru che t’ha capétatu

e dell’ua che ssi macenàtu.

Quant’è bbóno chéllo mustu dórge prufumatu,

non te mbriaca ma se tte va bbè te manna pe gliu paése

a cuncjmà lo zappugliatu.

E pone, lo beglio de chigli moménti de fatica,

era lo giocà degli ommini e femméne attempate,

che se facéanu lo mustu pe gliu muccu co ca rampazzu,

era próprio nu spassu.

Chello che pare scartu, onn è aru che vénàccia

te lla tòcca a tórchjà, e chello che ci rerèsce è tutta ràscia,

e macara co gli’alambiccu ci vè puru póco ‘e gràppa.

Ssu vinu tòcca cagnallo spissu o pjù a lónco,

ju resurtatu de ssu liquitu santu, po èsse

cesanése de Afile, rusciu de Oleanu o de Subbjàcu,

pe lle cantine nostràne lo vinu, lo sau fàne.

Attòcca solo a stà attènte a non remanì tróppo vicinu alla càola,

e béiese chello che rèsce forte,

mmòdo da facci retróà mbracciu alla ótte,

senza capì che da nu pézzo s’ha fattu nòtte.

Fefè (venardì cuìnici utturu 1999)

venerdì 15 ottobre 1999

 

 

 

 

.

I biunzi

Éo m’arécordo a inizziu de gli’autunnu,

quandu scrocchéa ju tempo ’e lla viligna

i vitturali éanu a gliu sprufunnu

a razzelane l’uva p’ugni vigna.

Passéanu ritti comme le filagne

lassénno addore ’e mustu e de castagne.

Lo mustu allora s’attacchéa alle mani

comme la colla. Ammece chello ’e mone,

scirica propio comme lo sapone.

Preché si capisciuni de villani,

’n cagna ’e llo cesanese e lla rosciola

au trapiantatu i simi ’e coca cola.

E quandu i vidi più chigli tinégli,

j’appénnui appiccati alle cantine,

i lardi, le zazzicchie, i béverégli.

Passa ’ssu tempo e mo poracciu mine,

truvi appiccati sopre i scaffalotti

solo rémpianti e tanti babbalotti.

Achille Pannunzi

Ju merlo e l’uva

Co’ la sulina che ci stéa ’st’estate,

pistènno i saittuni pe’ gliu pratu,

me so’ squagliatu co’ chélle suàte;

diciote so pompatu lo ramatu.

E gli merlacci dalla staccionata

fischiéanu la stessa serenata.

E tu resùa e pompa e chigliu canta.

Quasi ’o’ ice ca’ la gente è matta:

ci rividimo quandu l’uva è fatta

e prego puru che sse ne fa tanta.

E tòcca se rémétte a réfischiàne:

ci rividimo pe’ llo vilignàne.

Pe’ chissi merli ’ncoménza la pacchia,

quandu che crìa ju giorno a Punticigliu.

Rèscianu tutti ’nzunu dalla macchia

co’ chigli bicchi comme n’ammuttigliu,

se mettanu annascusi a nu cantucciu:

è tantu se te lassanu ju pirnucciu.

E tu rezzappa, pòta, eppó répompa.

Vedarai ca truvi ju merlo béglio,

che vola, magna, rie, eppó rezzómpa,

ju cacchiu po’ ci mitti a gliu tinéglio.

Po’ s’arappolla, s’araròta ju biccu.

Ci po’ giurà ca t’ha refattu siccu!

Achille Pannunzi

Néspoja

È ottobre! Addore de castagne,

de crisantémi e lla staggione morta,

co’ la giornata che se fa più corta,

fa resfotà le fratte e lle filagne.

N’arbiru non ci stà che tè le foglie.

Se lla ’ngollate tutte quante ju vento.

A subbissalle? È statu nu momento

e èsso ju vérno che t’ammira e accóglie.

Ma j’arbirucciu sopre alla Parata

che me sse ngiara ’nanzi ’gnì matina

ò ice ca ju tempo non cammina.

J’unicu béglio ’e tutta la cuntrada.

Fratéglio a n’aru che stà pe’ Minnone,

sopre ’e nu fosso, ’n faccia a zzì Dunatu:

M’icéa nu vecchio che ci glià piantatu:

«Perde la foglia ma ju fruttu nóne.»

Nu ritornello ice: «Salutate!»

Sta palla ussuta che po’ non te manna,

se te ll’agliutti t’arémane ’n ganna:

j’urdimu vantu ’e lla passata estate!!!

A. P.

Le castagne

Sola e spogliata stéa na mosciarèlla

a nu vignanu, e mancu a fallo apposta,

se lamentéa prechene la sorella

s’era arustita comme callarosta.

E nu fratéglio, póro disgrazziatu,

era finitu vòllano allessatu.

«Beatu ju marone! Ammeno chjgliu

fane la maffia rentro a na vitrina

e tra niare è gliu più béglio figliu

arabbottatu comme na mbullina.»

«Se te lamindi si na disgrazziata!

Ugnunu à da finì secundu ju turnu:

a mine che me jamanu ’nfornata

finiscio sempre cotta réntro ju furnu.»

«Pe’ quantu pussi fà, figliuccia méa,

te ll’arepéto ’n faccia tunnu tunnu,

ugnunu à da aspettà la sorte séa

e non se po’ cagnane chissu munnu!»

A. Pannunzi

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Buone vacanze nel rispetto dell’ambiente…

 

Laudato si papa Francesco
Laudato si papa Francesco

Molti di noi staccheranno la “spina” per una pausa estiva.

Molti avranno la fortuna di vivere dei momenti in un bel luogo, trascorrere dei momenti ammirando un bel paesaggio/panorama, ecc..

La natura è un dono.

Magari è l’occasione per riflettere su quante belle cose ci ha donato e messo a disposizione nostro Signore. 

Non ve la devo certo dare io… (con gli strumenti tecnologici che ci sono oggi) però vi giro una guida per leggere e riflettere sull’Enciclica Laudato si di papa Francesco Buon Riposo a tutti voi (soprattutto -se ne avete la possibilità- mentale/spirituale).

Io aggiungo che visto che la politica nazionale, regionale, di Roma Capitale non riescono ad occuparsi di rifiuti dovremmo noi DAL BASSO iniziare a fare bene la differenziata e diffondere questa pratica.

I nostri amministratori dal canto loro, dovrebbero a quel punto promuovere la differenziata abbassando le tariffe della raccolta e pubblicizzarlo con più costanza.

Nel mio municipio da quando si raccoglie l’umido (un annetto quasi), vedo concretamente che escludendo carta e plastica (che ormai si raccoglie da anni) nel sacchetto dell’indifferenziato resta ben poco e pesa anche poco.

Quindi un impegno cristiano sarebbe quello di fare bene la differenziata, per contribuire a tenere in “ordine” il creato. O no?

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/27/rifiuti-non-solo-porta-a-porta-i-comuni-virtuosi-da-trento-a-olbia-fino-a-forli-che-fugge-da-hera-e-ci-guadagna/2857885/


Fernando 

Creato bene comune

 Addivertitave sènza nzugliàne!!!

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ju ggiorno mundiale e ‘lla dunazione e ‘llo sàncue

Giornata Mondiale del Donatore

Lo sai che oggi, 14 giugno, è la giornata mondiale del donatore di sangue? E lo sai che la persona che ora è al tuo fianco potrebbe aver bisogno del tuo sangue? E lo sai che donare il sangue è facile e non provoca nessun dolore? E lo sai…? Ma quante cose dovresti sapere sulla donazione sangue! Dai, guarda questo video e poi sarai tu a domandare ai tuoi amici “lo sai che…?”

E poi condividi entro domenica il video su tutti i tuoi social (Facebook, Twitter, Instagram, Snapchat…) con l’hashtag #losaicheadvs con una frase di dedica. La più originale sarà premiata con un ricordo dell’ ADVSOPBG.

Cosa sai sul Sangue?

Sai di cosa abbiamo bisogno?offriamoci sangue

pui donare Sangue,

oppure

 in AFERESI

plasma, piastrine, globuli rossi, granulociti…

 

L'ADVS SUBIACO associata all'ADVs dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù

L’ADVS SUBIACO associata all’ADVs dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù

Di che gruppo sanguigno sei?

Posted in Uncategorized | Leave a comment